Insperati incontri

"Ho nitida l'occasione della mia conoscenza con Silvio Perrella. Risale a trenta anni fa. Lui aveva già incontrato un mio libro, attratto dalla fascetta, firmata da uno scrittore caro a entrambi. Ci incontrammo nella sua città. Cominciai a leggere i suoi articoli, i suoi saggi, le sue interviste. Alcuni li ha raccolti in un libro. Molti altri, secondo un diverso criterio, sono raccolti qui, e fin dal titolo richiamano ciò che è necessario nelle nostre letture: incontrare. È un libro che si presenta in disposizione alfabetica, come per dare un ordine a ciò che recalcitra a essere ordinato: spesso sono incontri con persone, per intervistarle e ritrarle. Credo che la fisicità dell'incontro sia per Perrella quasi necessaria: diversamente da altri saggisti, se può conoscere dal vivo la persona messa a oggetto del saggio, preferisce. Non tutti preferirebbero, perché gli incontri rischiano di essere deludenti rispetto a ciò che si è letto. Ma credo di poter dire che Perrella preferirebbe le delusioni alle illusioni. Tuttavia, qui dentro, di delusioni non ce ne sono: sicché il sostantivo del titolo merita pienamente l'aggettivo che lo precede. Ed è -come il lettore ha già visto in copertina - Insperati incontri: un libro di critica in presa diretta. L'ordine alfabetico rende facile, per chi conosce le letture predilette da Perrella, l'accostamento con i Sillabari di Parise. Anche qui si tratta di un alfabeto a suo modo sentimentale, nonostante alle lettere dell'alfabeto corrispondano nomi di persona. Ma che cosa sarebbero i sentimenti senza le persone, a che cosa servirebbero? Perciò, attraverso il suo alfabeto, Perrella salva gli incontri - variamente sorprendenti ogni volta - che il caso e la sorte (e la sua capacità) gli hanno assegnato. Ne salva la memoria per tutti noi e la rende attiva, ne fa uno strumento che servirà a tutti quelli che lo leggeranno, proprio quando meno se lo aspetteranno. Così per chiunque leggerà saranno incontri ogni volta insperati." (Raffaele Manica)

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Insperati incontriMangialibri

Raccolta di interviste (anche “impossibili”), sketch, incontri, scritture radiofoniche e giornalistiche varie, suddivise in un “parisiano” ordine alfabetico, Insperati incontri è, nelle parole dell’artista, Silvio Perrella, classe 1959, un’opera “composita e polifonica”, una collezione di ritratti di vario genere e provenienza più varia ancora. Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o accedi per rispondere.

Altri libri di Silvio Perrella

Doppio scatto (I grandi tascabili)

Doppio scatto (I grandi tascabili) di

Questo libro usa due linguaggi e li mette al confronto: la fotografia e la letteratura. Gli scatti visivi non pretendono di gareggiare con quelli dei veri fotografi; sono soprattutto appunti visivi, ?simili a quelli che i viaggiatori di una volta prendevano disegnando.?Gli scatti verbali sono invece snelli, veloci e sintetici. ?Fanno pensare a delle poesie in prosa che provano a tradurre ?in...

Fino a Salgareda: I movimenti remoti di Goffredo Parise

Fino a Salgareda: I movimenti remoti di Goffredo Parise di

I dati erano conosciuti. Che Parise fosse figlio di padre ignoto e che questo fosse stato per lui un problema, lo aveva raccontato lui stesso più volte, in modo diretto e in qualche racconto. Che la madre fosse una donna “temibile” e amata, che certi luoghi come Venezia Milano Roma o il suo «Veneto barbaro di muschi e nebbie» avessero avuto per lui un’importanza determinante, e che i suoi...