Ape Bianca

La perdita precoce di un genitore è un’esperienza dolorosa e paralizzante. Chi la vive subisce una crudele disconnessione da una parte profonda di sé, tanto che pensieri ed emozioni paiono precipitare in un vortice sinuoso e inesorabile come l’interno di una conchiglia.
E, quando il rapporto tra madre e figlia si rivela complesso, intricato, conflittuale, eppure intimamente profondo, quell’assenza si manifesta in tutta la sua brutalità dilatandosi in un atroce senso di irrisolutezza.
La nascita di un figlio durante la malattia fatale della madre conduce l’autrice in un luogo sospeso tra vita e morte, un regno di opposti dominato da un’atmosfera onirica.
Le sue parole rievocano la faticosa esplorazione di sé alla ricerca di quell’assenza, di quella madre prima presente ma distante, affettuosa eppure eclissante, e delle sue reliquie ora spezzate e pungenti.
L’analisi introspettiva del ricordo diventa, così, evento di riconciliazione.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Valentina Villani

Il viaggiatore tra i mondi

Il viaggiatore tra i mondi di

Una quindicenne che tende ad allontanare tutti da sé e un ragazzo appena arrivato nella sua scuola; un incontro che sembra casuale e invece si scopre essere voluto. Alex che segue Viola, la salva dall'aggressione di un'ombra incappucciata e si trova costretto a raccontarle la verità: esiste un mondo parallelo, abitato da anime, come lui, dotate ciascuna di un dono. Le racconta di Jonatan Reid...