una barca di debiti

Teatro. Durante la festa del diciottesimo anno di età del figlio, George e Lisa gli consegnano una insolita busta.
“Tom apre la busta e sfila un foglio. Inizia a leggere con un sorriso. Poi osservando il padre, il suo volto assume i tratti della meraviglia. George incrocia le braccia, così la madre. Sul viso del ragazzo traspare un’espressione di orrore. Un rivolo di sudore sfigura il volto. Cala il silenzio. Vanno via tutti. Tom resta solo con i genitori”
All’inizio a Tom sembra uno scherzo, poi comprende che non lo è.
“Ciò che rende maturo un figlio, è la presa di estraneità dei genitori”

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Rosario Stefanelli

Anche Dio avrà il suo reddito di cittadinanza

Anche Dio avrà il suo reddito di cittadinanza di

Teatro. Rivoluzione contro i talenti. Questi sono stati imprigionati per fermare i devastanti effetti dello sviluppo tecnologico sull’umanità. Thomas ex ricercatore si è offerto per sorvegliare i talenti. Rinnegando se stesso per evitare il destino infame, è costretto a convivere con i fantasmi creati dalla sua stessa vigliaccheria

Ucciderò il dolore

Ucciderò il dolore di

Teatro. Per Adelchi il dolore è un business, per Charlie rappresenta le radici, per Cecilia una gabbia da cui evadere il prima possibile, per Giorgio una consolazione necessaria per buttare avanti ore e minuti, per il distaccato fonte di ispirazione creativa

Il Silenzio frantuma le ossa

Il Silenzio frantuma le ossa di

Teatro. Nella villetta dei vicini della famiglia Trevisan si è consumata una terribile tragedia familiare. Il tranquillo e silente quartiere è stato sconvolto da un boato, il cui eco è decuplicato dalla presenza ingombrante dei giornalisti Si cerca un movente. Lo vogliono i giornali, per calamitare l’attenzione pubblica; lo esige l’ispettore di polizia, che interroga la famiglia Trevisan sui...

SciaKal

SciaKal di

Teatro. Cinema. Quando si perde un lavoro, in molti casi si mette in discussione la stessa dignità. La fantasia è l'unica arma per ritrovarla

Ubaldo

Ubaldo di

Teatro. Ubaldo è un uomo sui quarantacinque anni, ma ne dimostra di più. Negli ultimi tempi è allo sbando. Ha perso la moglie in un incidente il giorno delle nozze della figlia. Ogni dìa col suo maggiolone si reca a pregare sulla tomba della consorte, prima di ubriacarsi nel bar del paese, di finire nell’auto di qualche puttana o di passeggiare sul molo a guardare la barca con cui avrebbe...

Apollonia

Apollonia di

Teatro. Apollonia è una ex attrice che non esce di casa da anni, per un timore che vuole tenere segreto. La casa è frequentata da una domestica, da un giovane amante e da sua figlia. Apollonia è il catalizzatore di ogni azione dei tre personaggi, che sembrano pedine nelle sue mani. In realtà ognuno di questi frequenta l'artista per un motivo ben preciso.