La Belva della cella 154

La Belva della cella 154
Anche se romanzata, questa è una storia vera che risale agli anni ’80.

Scrivo normalmente di notte immerso nelle tenebre con l’unico bagliore che proviene dall’esterno dello spioncino del blindato che invece d’illuminare spesso rende ancora più buia la mia cella.
Scrivo libri perché credo che in Italia la giustizia e le prigioni siano quelli che sono anche perché, a differenza di altri Paesi, nel nostro manca una letteratura sociale carceraria. E la letteratura è l’anima di un Paese, per questo m’illudo di crearne una con i miei romanzi sociali noir carcerari.
Scrivo libri perché vorrei che si sapesse che in Italia ci sono uomini ombra senza sogni, né speranza, umani diversi da tutti gli altri perché vivono senza esistere, in un eterno presente esclusi dal futuro, dalla vita e dall’umanità. Scrivo libri perché vorrei che in Italia ci sono persone murate vive fino all’ultimo dei loro giorni, senza neppure la compassione di ucciderli prima. E poi scrivo anche perché ogni persona che mi legge mi trasmette un po’ di forza per continuare a esistere e resistere.
Si chiamava Nino, ma tutti lo chiamavano la “Belva”. Nino fin da bambino si era rifiutato di sottomettersi alla vita e al mondo. E dopo si era rifiutato di sottomettersi all’Assassino dei Sogni.
Nino era diventato un lottatore che non era mai sceso a patti con nessuno. Neppure con la vita.
Erano diversi anni che stava dentro al ventre dell’Assassino dei Sogni. In apparenza era in piena salute fisica e psichica. Il realtà era una Belva imprigionata in una gabbia. Una Belva stanca e ammalata dalla vita. Nino era anche un uomo ombra. E nel suo sguardo non c’era nessuna speranza. Forse perché non ne aveva bisogno. Nino non era solo un uomo ombra. Era anche un ergastolano ostativo. E gli ergastolani ostativi non hanno nessun sogno da sognare. Nino era invincibile perché non era né morto, né vivo. Era solo una Belva. Era diverso da tutti gli altri prigionieri. Era taciturno. Era vissuto solo quasi tutta la vita. E ora gli piaceva essere solo. Tutti pensavano che fosse pazzo. Lo pensava pure lui. Pesava cento chili. Erano cento chili di muscoli e nervi. Le gambe, le braccia e le spalle sembravano di roccia. Aveva i capelli neri e ricci. Ed erano così lunghi che gli arrivavano fino alle spalle. Aveva gli occhi scuri e assenti. Spalle leggermente piegate in avanti. Aveva i denti bianchi e dritti. Il viso era brutto. Talmente brutto che sembrava bello. Era cattivo con tutti. Anche con se stesso. Persino le guardie lo temevano. (…) Aveva un amico, Silvestro, “u su iattu”. Teneva più a quel gatto che alla sua vita, perché la sua vita era quel gatto. Parlava solo con lui. E Silvestro lo ascoltava senza dire quasi nulla. Solo ogni tanto gli rispondeva con un miagolio. La Belva aveva bisogno d’amare, ma non aveva nessuno d’amare. E un giorno iniziò ad amare quel micio. Tanto tempo fa gli era entrato in cella dalla finestra che era appena un gattino. Ormai erano passati diversi anni e Silvestro era sempre con lui. Il gatto di giorno andava in giro, ma la sera, prima della chiusura del blindato, ritornava nella cella di Nino.
Quando la Belva lo vedeva arrivare dalla finestra o dal cancello della sezione sorrideva.
E gli s’illuminavano gli occhi. Fin quando un giorno…

Carmelo Musumeci

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Carmelo Musumeci

Gli Uomini Ombra

Gli Uomini Ombra di Carmelo Musumeci

Questa nuova edizione di "Gli Uomini Ombra e altri racconti" ripropone il primo libro pubblicato da Carmelo Musumeci. Scritto quando era condannato all'ergastolo senza benefici, con la certezza di morire in carcere, Carmelo descrive la vita di chi, come lui, è costretto a vivere da sepolto vivo, destinato ad una morte spirituale e civile, prima ancora che fisica. Sono racconti di forte ...

Nato Colpevole

Nato Colpevole di Carmelo Musumeci

Cosa è successo a Carmelo? A 36 anni è stato arrestato e condannato all'ergastolo ostativo. Era il 1991. Le accuse: omicidio, associazione mafiosa, delitti contro il patrimonio e spaccio di cocaina. Carmelo era alla testa della lotta tra i clan che ha infiammato la Versilia tra gli anni Ottanta e Novanta per il controllo del gioco d’azzardo e dello spaccio. “Nato colpevole” è una riflessione ...

DIVENTATO COLPEVOLE: Il Signore delle bische

DIVENTATO COLPEVOLE: Il Signore delle bische di Carmelo Musumeci

"Dico sempre che sono nato colpevole, ma poi ci ho messo del mio per diventarlo.E ci sono riuscito." Continua l'autobiografia romanzata di Carmelo Musumeci. Dopo "Nato colpevole", in cui narra i primi 18 anni di vita, prosegue in questo libro il racconto degli anni della giovinezza e della scalata ai vertici della malavita.

Illuminato Fichera: La libertà nell'era del carcere

Illuminato Fichera: La libertà nell'era del carcere di Carmelo Musumeci

Di cognome faceva Fichera.Di nome Illuminato.Tutti, però, lo avevano sempre chiamato Nuccio.Appena nato la sua famiglia aveva scelto per lui quello strano nome: Illuminato.Forse perché aveva subito iniziato a sorridere.E non aveva più smesso.Non si era reso conto, venendo al mondo, in che guaio si fosse cacciato.Non aveva smesso di sorridere neppure quando gli avevano ammazzato i genitori.Non ...

Zanna Blu: le nuove avventure

Zanna Blu: le nuove avventure di Carmelo Musumeci

Zanna Blu, le avventure. Nuova Edizione ampliata, con seconda parte inedita. È un libro di favole per bambini e adulti. È la storia delle incredibili avventure di Zanna Blu, un cucciolo di lupo abbandonato da mamma lupa perché non ce la faceva ad allattare tutti e quattro i suoi piccoli: fu costretta a scegliere se farli morire tutti di fame o sacrificarne uno.Ma Zanna Blu, spaventato, solo e ...