Taranto it's my life

Taranto anni 60-80, un ventennio che ha significato molto per una città che, come tutto il Paese, si accingeva al boom economico e alla ripresa dopo la depressione post-bellica. L’obiettivo della industrializzazione del Mezzogiorno partì dalla scelta di fare della città di Orazio e Virgilio, del capoluogo della cultura Magno Greca, la capitale europea dell’acciaio.  Quanto questa sia stata una scelta giusta sarà la storia a dirlo, certo è che oggi molti tarantini non l’accettano più per l’aspetto più inquietante, le morti in aumento, soprattutto fra i bambini. Ma cosa accadde in quel ventennio? In questo romanzo autobiografico l’autore parla di quegli anni partendo dalla propria esperienza di vita. E cerca di dimostrare, raccontando episodi significativi, di come quell’intervento imposto dall’alto s’innervasse nei comportamenti dirigistici e autoreferenziali della politica cui tutto è dovuto, finendo per degradare la cultura, costringendo all’esodo gli operatori culturali, mentre dopo dieci anni di costruzione del più grande impianto siderurgico, restavano a terra migliaia di manovali e operai edili suscitando il più grande intervento assistenziale pubblico che dura ancora oggi e che ha prodotto degrado sociale. Un mix indigesto di cui la città paga ancora oggi le conseguenze. Ma il romanzo è anche un atto di amore verso la propria città che l’autore spera torni agli albori degli anni 70’ quando primeggiava nel Sud per consumo culturale di cinema, lirica, lettura, teatro.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Roberto De Giorgi

Delirio condannato a morte: 5 (Collana i libri di Agorà Magazine)

Delirio condannato a morte: 5 (Collana i libri di Agorà Magazine) di

In questo racconto breve c'è il monologo di un condannato a morte, una trascrizione che avrebbe dovuto essere, in una esperienza giovanile dell'autore, un tormentone teatrale.

Parole e tempo su binari paralleli

Parole e tempo su binari paralleli di

Questo libretto lo dedico a lei al mio amore di oggi che ho spesso idealizzato nel passato quando, rimasto solo dopo un disastro matrimoniale e la perdita di un amore ho passato notti insonne a fantasticare. Sono poesie scritte di getto e non riviste, alcune per me belle, altre brutte, ma sono la registrazione di uno stato d'animo. Le scrivevo su email con sfondi fantasmatici e musica e le...

dottore! mi si è precarizzata la vita

dottore! mi si è precarizzata la vita di

Oggi si parla molto di lavoro, riforma del suo mercato, ma la precarietà il nostro autore l’ha insegnata ai giovani nei corsi di formazione. Spesso - così racconta - nei corsi di orientamento ha mostrato la sua vita per far raccontare ai ragazzi la loro. Un modo per fare coming out, parafrasando dal movimento omosessuale, dichiarando stavolta la proprietà precarietà come per dire se ce l’ho...

Il mio amore col fiore in bocca

Il mio amore col fiore in bocca di

Il vero fiore è il mio amore. Quest'altro è un intruso. Questo è il diario, scritto così, in piedi, in auto, durante il viaggio, nelle sale d'attesa dell'Istituto tumori Regina Elena di Roma, osservando quest'umanità colta nella sua quotidianità inquieta e nella voglia di correre altrove. La scelta di pubblicare questo diario è nata da lei e da me nello stesso momento, pensando di regalare...

Amore & Disamore per Luca

Amore & Disamore per Luca di

Un’autobiografia sentimentale che parte dal paradosso. Stavolta è l’uomo che parla. Spesso bistrattato come colui che fugge dal matrimonio stavolta è la parte debole, mentre il sesso forte sta dall'altra parte. Amore e disamore, dice l’autore, sono la faccia della stessa medaglia, perché nel disamore non cessa l’amore, c’è solo uno che resta e l’altro che fugge. Un’allegoria potrebbe essere...

La Croce insanguinata

La Croce insanguinata di

La storia si svolge nel 1945 a Napoli, negli ultimi giorni del secondo conflitto mondiale. I due protagonisti sono Nelson e Sam, due militari americani, il primo professore minerario e archeologo e il secondo fotoreporter. Sono amici dal 1925, anno in cui hanno vissuto un’avventura surreale raccontata nel libro «Nelson e Sam nelle scuderie di Re Salomone». Nelson ora è un maggiore...