LE FASCINE AL COPERTO (La buona vita montanina Vol. 10)

Questo racconto lungo di Martinelli, di incantevole ambientazione natalizia, nasconde sotto un’apparenza semplice, fatta delle buone cose quotidiane, il caldo e l’affetto della casa famigliare, il crepitio della legna nella stufa, il cadere della neve abbondante fuori dalla finestra, un sorprendente enigma da svelare. Ci troviamo catapultati con Dolfo, il riflessivo e quieto protagonista del libro, in una vicenda dai contorni vagamente gotici, che lascia intravedere l’ombra di una strega, e che ci si rivela, pagina dopo pagina, come uno sconcertante rebus spazio-temporale.
Ancora una volta lo scrittore trentino ci porta fra i monti della sua Vallarsa, avvolgendoci in un’atmosfera dal sapore semplice e antico, capace però di rivelare, a chi abbia voglia di leggere in profondità, tutta l’intima dimensione meditativa della montagna.

“Ora invece si era rimpicciolito un po’ troppo all’interno della giacca a coste grosse. Aveva cessato di bubbolare dal freddo, ed era sul punto di lasciarsi andare all’attraente prospettiva di sciogliersi in un regresso lontano, oltre l’infanzia, perfino oltre la nascita. Abbandonarsi a una indescrivibile sensazione di penetrare l’aria, senza più alcuna zavorra ad appesantirlo e a legittimare il suo attaccamento a questo mondo villano. Sentiva la sua anima concentrata in un puntino invisibile che fluttuava sopra la propria testa. Con lo sguardo della consapevolezza si vedeva lì sotto, sepolto dalla fioccata notturna, immobile come un cencio buttato via, mentre aspettava che il minuto fosse trascorso e lui potesse riprendere il cammino. Quel benedetto minuto però sembrava dilatarsi all’infinito. Non passava più. Il tempo indugiava in una pausa di staticità e, in tale dilatazione, lui poteva spaziare come meglio credeva, osservando quel gran numero di eventi che avevano ricamato il tragitto percorso da quando era nato, e adesso in un certo senso gli appartenevano; appartenevano alla visione della sua ricca e nel contempo insignificante vita.
Fiocco dopo fiocco, intanto, la coltre di neve aumentava di spessore. Un sibilo ventoso cominciò a graffiare l’oscurità, insinuandosi nei valloncelli e nei meandri boschivi che formavano quel groppo di radici dei monti.”

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Mario Martinelli

I monti vicini (La buona vita montanina Vol. 7)

I monti vicini (La buona vita montanina Vol. 7) di

Settima opera di Mario Martinelli, "I monti vicini" narra la storia di un soldato che rientra al proprio paese per una breve licenza, dopo essere stato ferito sui campi di battaglia della Prima Guerra Mondiale. Libro intenso, profondo e tormentato, caratterizzato da una notevole capacità di immedesimazione nel personaggio, accentuata dall'uso dell'io narrante in prima persona, questo romanzo ci...

Fuori dal Kerle (La buona vita montanina Vol. 13)

Fuori dal Kerle (La buona vita montanina Vol. 13) di

Sono i giorni dopo l'8 settembre 1943 a far da sfondo alla vicenda dell'ultimo appassionante romanzo di Mario Martinelli. Quattro giovani alpini, Antonio, Marco, Luigi e Vittorio, trovano rifugio alle caotiche giornate post proclama Badoglio fra le guglie inaccessibili di un gelido Kerle invernale. Ma sarà la Storia vorticosa di quei giorni convulsi a stanarli dal loro candido nascondiglio,...

PUNTO DI SVOLTA: WENDEPUNKT (La buona vita montanina Vol. 12)

PUNTO DI SVOLTA: WENDEPUNKT (La buona vita montanina Vol. 12) di

Ambientato in una rigogliosa Vallarsa primaverile, adagiata quietamente nel lontano 1936, il dodicesimo libro di Mario Martinelli ci narra, attraverso gli occhi insieme lievi e profondi del protagonista Giovannino, reduce dalla tempesta d’acciaio della Grande Guerra, di un inatteso quanto gioioso ritorno a casa. Dopo averci condotti con voluttuosa lentezza per i sentieri odorosi di erba appena...

IL CAMMINATORE (La buona vita montanina Vol. 16)

IL CAMMINATORE (La buona vita montanina Vol. 16) di

Libro inusuale nella produzione del popolare scrittore trentino, costruito su un sapiente gioco di rimandi tra una Innsbruck di fine Ottocento e i versanti e le dorsali della lunga ininterrotta catena alpina che collega il Tirolo alla Vallarsa, “Il camminatore” è la saga di un uomo che parte dal proprio piccolo paese natale, sperduto fra le verdi rotondità delle colline della Croazia, per...

LO STRANO INVERNO DEL BRIGADIERE (La buona vita montanina Vol. 15)

LO STRANO INVERNO DEL BRIGADIERE (La buona vita montanina Vol. 15) di

Giunto al quindicesimo libro dell’avventurosa saga della Vallarsa, Mario Martinelli ci trasporta in una candida Obra, immobilizzata sotto il peso di una spessa e cotonosa coltre di neve, che intralcia gambe e pensieri a uomini e bestie. Sotto un cielo grigio traboccante di fiocchi, il brigadiere Cecchetto e il suo appuntato Masetti cercano invano di farsi una ragione di quella natura...