Il buono cattivo

1970, in una villa sul lago di Como la vedova Falconi amministra una residenza di vacanza frequentata da potenti, generali, magistrati, grandi avvocati. Come in un moderno Decameron, tra vini d’annata e chiacchiere, la compagnia affronta ogni sera, a turno, un diverso argomento. Il protagonista – dietro i cui tratti ammicca l’ombra dell’autore – ascolta e divertito racconta, intrecciando ricordi personali e vita pubblica, temi scottanti e goliardia. Tutto sembra scorrere nella più tranquilla normalità, finché non si unisce alla compagnia un professore di Diritto canonico e matrimoniale, che porge al protagonista un plico
di misteriosi racconti. Un romanzo inedito che ancora oggi racconta molto dell’Italia, dei suoi vizi e delle sue
inesplorate virtù, nello stile affilato e ironico di un protagonista del nostro tempo. “ Riordinando le carte di mio padre ho ritrovato la bozza di Il buono cattivo, scritto fra il 1973 e il 1974 e mai pubblicato. Per me, leggere queste pagine è stata un’emozione forte. Mi è sembrato di riavere vicino mio padre e sentirlo di nuovo parlare, ritrovandone la vivacità e la varietà dei ricordi, la levità nel trattare argomenti molto seri, la curiosità di conoscere nuove situazioni e persone, la capacità di coglierne i tratti salienti e l’ironia, in genere bonaria, verso gli altri e verso se stesso. Sono caratteri che, credo, sapranno rintracciare tutti quelli che l’hanno conosciuto.”
Serena Andreotti

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Giulio Andreotti

1953: Fu una legge truffa? (Saggi italiani)

1953: Fu una legge truffa? (Saggi italiani) di

È il 1953, un anno da non dimenticare. Poco più che trentenne, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Giulio Andreotti annota sul suo diario gli eventi che scuotono il Paese e i palazzi del potere, per fermare almeno sulla carta il turbinio di avvenimenti nel quale è coinvolto. L’Italia, alla disperata ricerca di stabilità dopo la dittatura e la guerra, vive un periodo di difficile...

Il potere logora: ...ma è meglio non perderlo.La storia, la politica, la vita in 330 battute (BUR SAGGI)

Il potere logora: ...ma è meglio non perderlo.La storia, la politica, la vita in 330 battute (BUR SAGGI) di

Giulio Andreotti — sette volte presidente del Consiglio — ha attraversato come nessun’altro settant’anni della storia d’Italia, sempre ai posti di comando, con arguta e graffiante intelligenza. In queste pagine, traccia una sorta di ironica autobiografia in pillole, raccogliendo, come spiega egli stesso, “osservazioni, rilievi, indirizzi che hanno via via costituito la mia risposta o la mia...

2000: Quale terzo millennio? (Saggi italiani)

2000: Quale terzo millennio? (Saggi italiani) di

Il Giubileo e i segreti di Fatima. Il conflitto fra laici e credenti. I rapporti dell’Italia con il Medio Oriente e gli Stati Uniti. Una testimonianza inedita e in presa diretta sulle grandi questioni aperte del presente e del futuro. Giulio Andreotti ha incominciato a tenere un diario subito dopo la liberazione di Roma, su esortazione di Leo Longanesi. Da allora ha fermato giorno dopo giorno...