L'abisso

A scendere nell'abisso evocato dal titolo è Durtal, scrittore della Parigi fin de siècle in preda a una profonda crisi umana e professionale. Non si riconosce più nell'ambiente culturale che lo circonda e si trova a disagio con i modi del naturalismo e del razionalismo, di cui percepisce i limiti e la ristrettezza di orizzonti. La società contemporanea, coi valori e i meccanismi che la reggono e con la sua visione dell'uomo e della vita, produce in lui un senso di repulsione e sofferenza dal quale non riesce a trovare sollievo. Soprattutto, sente insopprimibile la necessità di sondare i presunti confini della celebrata realtà, di capire se effettivamente tutto può essere ridotto entro le sole coordinate materiali e terrene.
Questa sua ansia di evadere dalle forme intellettuali in voga e di sperimentare il nuovo lo portano a scrivere un libro su Gilles de Rais, maresciallo eroico, mistico, ma anche libertino sfrenato, torturatore e assassino, che Durtal definisce «il più crudele e scellerato degli uomini del XV secolo». Per documentarsi, inizia a frequentare il mondo affascinante e perverso dell'occultismo e del satanismo. Saranno il medico Des Hermies, l'amante Hyacinthe Chantelouve e il canonico Docre e le sue messe nere a trascinarlo "Là-bas" (come recita il titolo originale), laggiù: una discesa che è anche esplorazione della complessità dell'animo umano, in cui si mescolano bene e male, santità e crudeltà, in un chiaroscuro di fortissime contraddizioni apparentemente insanabili, autentico riflesso della realtà.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Joris-Karl Huysmans

Controcorrente (eNewton Classici)

Controcorrente (eNewton Classici) di

A cura di Bruno NacciTraduzione di Ida SassiEdizione integraleControcorrente è considerato il capolavoro del decadentismo europeo. Il suo protagonista, Des Esseintes, è l'ultimo dei grandi dandy della letteratura ottocentesca, ma è anche uno dei primi nichilisti integrali del mondo contemporaneo, tornato oggi di grande attualità. Espressione di una raffinatezza e di un estetismo portati alle es...

A ritroso

A ritroso di

A ritroso di Joris Karl Huysmans Definito dai critici il Manifesto del Decadentismo, questo romanzo rispecchia il sentire disgustato di tanti intellettuali europei di fronte alla nascente società industriale, alla fine dell'800.Il protagonista, è un personaggio controcorrente, geniale, odioso, esteta maniacale, che vive un rapporto doloroso e intenso con la fede.La sua angoscia, l'incapacità di...

Zaino in spalla (L'Isola)

Zaino in spalla (L'Isola) di

Nel 1880 Émile Zola e cinque suoi giovani amici – Guy de Maupassant, Paul Alexis, Henry Céard, Léon Hennique e Joris-Karl Huysmans – decisero di scrivere un racconto ciascuno, e di pubblicarli in un volume con il titolo Les Soirées de Médan. Scopo di questi testi era di comporre un’opera che fosse esemplare del naturalismo. Il racconto di Huysmans – Zaino in spalla – è un piccolo gioiello della...

Soltanto qualcuno

Soltanto qualcuno di

Pubblicato nel 1884, il libro raccoglie molti ritratti di artisti, non solo francesi e non solo contemporanei, alternati a pagine dedicate a particolari temi e fenomeni artistici e sociali: dal dilettantismo al mercato dell'arte, all'uso del ferro in architettura, al difficile rapporto tra arte e produzione industriale. Huysmans, inquieto flâneur, si aggira disgustato, commosso, incuriosito, in...