Don Abbondio e Mr Hyde

Un uomo di trentasei anni, single, comincia a soffrire di ansia generalizzata e crisi di panico. È “il male oscuro”. Inizia quindi un percorso di psicoterapia e ad assumere ansiolitici. Durante una crisi che lo immobilizza a letto rimane particolarmente scosso dal telefono che suona a vuoto mentre lui è impossibilitato a rispondere. Sotto la guida dell’analista e sulla scorta di questo inedito trauma, inizia un’indagine sul proprio passato. Nel frattempo diventa padre, ma reagisce alla nascita del figlio cadendo in una cupa depressione, addirittura con idee soppressive nei confronti del bambino, che lo terrorizzano.
Prendendo informazioni da persone conosciute nell’infanzia, scopre di avere a suo tempo confidato all’allora fidanzata del fratello maggiore un fatto orripilante e traumatico, che avvenne la notte in cui in casa morì il fratello della madre, quando egli passò ore ed ore al buio frastornato dalle grida lancinanti di dolore che si udivano nella casa. Ma scopre anche che aveva completamente rimosso l’episodio.
Dopo questa rivelazione, l’uomo, sempre sotto la guida dell’analista, continua a indagare su di sé e riflette su quanto i fatti affiorati dal passato possano avere inciso nella sua formazione e sul male che lo affligge, ma non sa darsi una risposta.
Alla fine si interrogherà sul proprio futuro e su quello del figlio.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Michele Leoni

Il cellulare maledetto

Il cellulare maledetto di

Uno spacciatore drogato e socialmente emarginato, al fine di non rischiare di essere intercettato dalla polizia, si procura un obsoleto cellulare di contrabbando da un vecchio e stranissimo ricettatore dall’aspetto inquietante, che, dopo avergli dato le rassicurazioni di cui ha bisogno, scompare nel nulla e sembra non aver lasciato nessuna traccia di sé nella realtà. Inizialmente le...