Ricordi di una giovinezza troppo breve (Campi di Parole)

Nel Nord Est degli anni ’70, lanciato verso lo sviluppo e il benessere, un padre-tiranno pretende di assoggettare la propria famiglia alle sue idee e progetti anacronistici.
Ne farà le spese la moglie, donna forte e capace, ma costretta a grandi sacrifici.
Ne faranno le spese i figli, avviati precocemente nel mondo del lavoro.
Tra questi, sarà proprio Lorenzo a soffrirne di più, per la rinuncia a una scuola adeguata alle sue aspirazioni.
Con caparbietà e determinazione, egli riuscirà a lasciarsi alle spalle il triste ambiente familiare e a raggiungere quei traguardi tanto ostacolati dal comportamento irresponsabile del padre. Con una scrittura scorrevole e nitida, capace di alternare momenti di intenso lirismo a esplosioni di autentica comicità, Lorenzo Pagiaro ricostruisce atmosfera, immagini, e sensazioni di un mondo ormai lontano nel tempo, raccontandoci una bella storia di volontà e riscatto.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli