Il parruccaio di Maria Antonietta

Quando morì il nipote del Re Sole, Luigi XV, il suo cadavere butterato dal vaiolo iniziò a decomporsi con una tale rapidità che fu necessario inumarlo di notte nella cripta della Cattedrale di Saint-Denis senza poterne mummificare il corpo, come era consuetudine. Quella stessa notte ha inizio l'avventura di Salamandre, che confeziona stupefacenti oggetti con le elitre opalescenti degli scarabei che raccoglie nelle campagne. Ancor prima della Rivoluzione questo personaggio nevrotico, ipersensibile, crepuscolare e alchemico si farà conoscere come il parruccaio più ricercato e anticonformista della capitale. Decadente, vizioso, consunto dalla fatica, drogato dal laudano e dall'oppio, Salamandre saprà sostituire la sua assuefazione con una morbosa passione per la più celebre di tutte le sovrane: Maria Antonietta. La incontrerà già prigioniera dentro la Torre del Tempio e ne diventerà devoto servitore, sino a seguirla fin sotto al patibolo. Surreale, documentato e sorprendente, questo romanzo è un grandioso affresco della Parigi della moda dell'Ancien Régime, un voluto omaggio a "Il profumo" di Patrick Suskind.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Alberto Frappa Raunceroy

Il serenissimo borghese

Il serenissimo borghese di

"Il Serenissimo borghese" è il racconto dell'ascesa dell'ultimo Doge, Lodovico Manin, e della sconfitta della Serenissima per mano di un giovanissimo e spregiudicato Napoleone Bonaparte attraverso le vicende del nobiluomo e della sua famiglia. Le residenze cittadine, quanto quelle di campagna, sono muti e affidabili testimoni di una società che lotta per mantenere i suoi privilegi, cercando dis...