OLIVIA: la proprietà transitiva di me e te

Vanni Ruggeri è un giovane attore pieno di talento e ambizione che per il momento serve frappuccini nel bar più sfigato dell’aeroporto di Fiumicino.
Tornato nella sua casa rifugio si stappa una birra e si butta sul divano a cazzeggiare sul computer.
Entra nel solito sito di chat dove fra tanti visi anonimi e bizzarri, incontra lei, Olivia, una graziosa studentessa di astrofisica con un cappello da rana in testa.
Quasi per gioco fra i due parte una conversazione che li terrà alzati tutta la notte, in un sorprendente dialogo pindarico che va da Dirty Dancing, a David Lynch, alla materia oscura, all’enigma di Schrodingher e alle dick pic. Olivia si rivela una strampalata poetica ragazza speciale, adorabile e sfacciata, ma sotto quel sorriso disarmante cela un segreto, proprio come Vanni. C’è del mistero in questa storia che parla d’amore e fisica quantistica, ma va bene così.

Un incantevole romanzo, preciso e minimale, che si svolge in gran parte nell’arco di una notte, durante una conversazione in webcam, una notte di svelamenti, confessioni, promesse e bugie che cambierà per sempre le vite.

Da questo romanzo è stato tratto il film Olivia, prodotto da Tyche Productions.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli