1977. Gioia e rivoluzione

Compra su Amazon

1977. Gioia e rivoluzione
Autore
Ernesto Assante
Pubblicazione
18 dicembre 2017
Categorie
Un anno da ricordare. Per la musica, la creatività, la letteratura, il cinema, il teatro. E poi per i sogni, le passioni, i desideri. Per l'amicizia e l'amore. Per la voglia di cambiare il mondo, per la ricerca della felicità, per la bellezza e i colori di una intera generazione in movimento. Il 1977 è stato un anno chiave della nostra storia, lo è stato per la politica, la società, i rapporti sociali e personali, la cultura e la comunicazione; è stato l'anno in cui le radio libere erano "libere veramente", come cantava Finardi, in cui i volantini e i Ta Tze Bao erano i social network più diffusi, in cui gli indiani metropolitani si facevano beffe della realtà portando la fantasia nelle stanze del potere, in cui tutto veniva messo in discussione e nessuno era lasciato indietro. Il 1977 viene ricordato troppo spesso per gli scontri, la violenza, le P38, i blindati delle forze dell'ordine nei centri cittadini. Ma una generazione intera ha vissuto quell'anno tra passioni e sentimenti leggendari, scrivendo una storia diversa, fatta di canzoni, libri, film, cortei, assemblee, fumetti, giornali, spettacoli, nei quali scorreva inarrestabile e meravigliosa la vita. Questo libro vuole ricordare e raccontare un anno bello e terribile, intenso e travolgente, nel quale una generazione intera, in maniera caotica, creativa, violenta, appassionata, era alla ricerca della gioia e della rivoluzione.

Con i contributi di Stefano Benni, Franco Berardi, Franco Bolelli, Gianrico Carofiglio, Giancarlo De Cataldo, Pablo Echaurren, Enrico Franceschini, John Lydon, Gianfranco Manfredi, Giovanna Melandri, Piero Pelù, Massimo Recalcati, Filippo Scòzzari, Vincenzo Sparagna e le foto di Giovanni Canitano

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Ernesto Assante

Rivoluzioni. L'insurrezione poetica e la rivolta politica. Controcultura (1955-1980)

Rivoluzioni. L'insurrezione poetica e la rivolta politica. Controcultura (1955-1980) di

«Una mappa immaginaria per decifrare la vita nascosta e i percorsi culturali di chi ha fatto davvero la controcultura» - Sabina Minardi, L'EspressoCosa lega Marcuse e Jean-Paul Sartre, Che Guevara e Jim Morrison, Frantz Fanon e la Pantere Nere, gli hippie e Allen Ginsberg, Bob Dylan e i Pink Floyd? Quali sono le tradizioni e le innovazioni che costituiscono il pensiero contemporaneo, da dove ar...