La filosofia nel boudoir

“Ai libertini. Voluttuosi di ogni età e sesso, dedico quest’opera a voi soli: nutritevi dei suoi principi, favoriranno le vostre passioni! E le passioni, verso le quali certi freddi e piatti moralisti v’incutono terrore, sono in realtà gli unici mezzi che la natura mette a disposizione dell’uomo per raggiungere quanto essa si attende da lui. Obbedite soltanto a queste deliziose passioni! Vi condurranno senza dubbio alla felicità”.

Nella cornice di un boudoir aristocratico, la quindicenne Eugénie viene iniziata ai segreti della vita libertina da quattro licenziosi personaggi: Madame De Saint-Ange, suo fratello, il cavaliere di Mirval, l’amico Dolmancé e il giardiniere Augustin.
Sollecitata dai quattro, Eugénie si abbandona a un perverso gioco di seduzioni fisiche e intellettuali, che la portano alla scoperta della ‘verità’ sulla condizione dell’uomo e alla liberazione dai vincoli di una morale repressiva.

In quello che appare come il manifesto più compiuto ed estremo del pensiero di De Sade, vizio e crudeltà sono esaltati come forme di energia vitale proprie di una natura libera dai lacci imposti dalla civiltà.

D.A.F De Sade (1740 – 1814) fu uno scrittore e filosofo francese, dal cui nome trae origine il termine sadismo. Ha pubblicato Justine o le disavventure della virtù (1791), Lamarchesa di Gange(1813), Le 120 giornate di Sodoma (1904).

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di D.A. F. De Sade

Justine, ovvero le disavventure della virtù

Justine, ovvero le disavventure della virtù di

Juliette, 15 anni, e Justine, 12, perdono entrambi i genitori e si ritrovano sole e prive di mezzi di sussistenza. Se la prima, pur di ottenere una vita migliore, non esita a prostituirsi e a commettere crimini, divenendo la benestante contessa di Lorsange, Justine, ingenua e innocente, tenta la strada dell’onestà, cadendo suo malgrado nelle viziose trappole di libertini e sofisti. E per quanto...

La filosofia nel boudoir (Garzanti Grandi Libri)

La filosofia nel boudoir (Garzanti Grandi Libri) di

Più volte arrestato, processato e imprigionato, Sade persegue con tenacia la propria ricerca esistenziale. La sua filosofia dell’insurrezione permanente contro i limiti della condizione umana – per dissolvere le tenebre dell’ignoranza e dell’inconsapevolezza, per praticare il potere demiurgico della materia, della Natura, del singolo consapevole della sua unicità di materia pensante e desideran...

La filosofia nel boudoir. La bibbia dell'erotismo (eNewton Classici)

La filosofia nel boudoir. La bibbia dell'erotismo (eNewton Classici) di

A cura di Claudio RendinaIntroduzione di Mario PrazLa filosofia nel boudoir esce nel 1795, e rappresenta un vero e proprio manifesto del libertinaggio e dell’erotismo. Della natura del libro dice già tutto l’autore con la dedica «Ai libertini» che qui vogliamo riprodurre nella sua interezza: «Voluttuosi di ogni età e sesso, dedico quest’opera a voi soli: nutritevi dei suoi principii, favorirann...