Stato e rivoluzione

Lenin, il più grande interprete dei fondatori del marxismo, Marx e Engels, propone qui un vero e proprio manifesto sull’applicazione dei principi rivoluzionari, soffermandosi sul problema dello Stato.

“Quando esiste lo stato, non vi può essere libertà. Quando vi è libertà, non può esistere lo Stato”.

Lenin intende pertanto stabilire l’autentica concezione marxiana dello Stato, inteso quale stumento dell’oppressione di classe, contro le deformazioni della dottrina operate dagli “opportunisti”, i socialisti.
L’idea di stato e rivoluzione era quella di ovviare alla mancanza totale di aiuto che la sinistra (la socialdemocrazia) occidentale stava dando non solo alla fine immediata della guerra mondiale, ma anche alla trasformazione della guerra imperialistica in guerra civile all’interno di ogni singolo paese belligerante.

Entrambe le condizioni avrebbero aiutato moltissimo lo svolgimento della Rivoluzione in Russia.
Lenin da tempo era convinto che la Russia avrebbe dovuto realizzare la rivoluzione socialista da sola, senza l’aiuto di alcun movimento progressista europeo.

Vladimir Lenin (1870-1924) è stato un rivoluzionario e politico russo, fondatore dell’Unione Sovietica. Ideologicamente marxista, le sue teorie politiche sono state poi riconosciute come “leninismo”.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Vladimir Lenin

Così parlò Vladimir Lenin (Le Fionde)

Così parlò Vladimir Lenin (Le Fionde) di

Patrimonio storico del movimento operaio, l'opera di Lenin è una miniera inesauribile di idee, suggestioni e stimoli utili ad organizzare la soggettività desiderante degli sfruttati affinché possano essere colte fine in fondo le opportunità di realizzare, qui e ora, i principi rivoluzionari della giustizia sociale. A partire dall'impianto contenuto negli scritti dedicati al partito proletario d...