In faccia al destino

Compra su Amazon

In faccia al destino
Autore
Adolfo Albertazzi
Pubblicazione
4 gennaio 2018
Categorie
In faccia al destino


Dall’incipit del libro:

Ero da pochi giorni a Valdigorgo, e già deluso nel tentativo estremo per cui mi ero trasportato da Molinella, alla casa dell’amico Moser, alle Prealpi.
Non avevo avuto la speranza che l’aria di lassù mi purificasse lo spirito; soltanto avevo pensato che la famigliarità con gente di cuore potrebbe scuotermi il cuore. Tre anni innanzi, quando combattevo i primi fieri assalti del nemico insorto in me, non avevo attinto lassù, nuove forze alla resistenza? là non avevo provato il sollievo di lunghe tregue?
Claudio Moser con animo aperto e affetto antico; Eugenia, sua moglie, con la bontà che io non sapevo paragonare se non alla bontà di mia madre; le figliole – Marcella e Ortensia – soavi e liete; il piccolo Mino, instancabile al trotto delle mie ginocchia, quante volte parlandomi nella memoria mi avevano chiamato a loro, come in porto e a rivivere!
Ma invano! Avevo fatto invano il lungo viaggio! Fortunatamente, se io ero a tal punto da non sentire più nulla e da rincrescere agli altri oltre che a me stesso, fortunatamente io avevo trovato la famiglia Moser in condizioni diverse: Claudio, sovraccarico di faccende, s’assentava interi giorni; la moglie, non era ancora in piena convalescenza d’una malattia quasi mortale; Marcella, da brava massaia diciannovenne, s’intratteneva a diriger la casa; Ortensia, assisteva la madre; e il fanciullo, prossimo ormai all’età della discrezione, preferiva, al trotto delle mie ginocchia, tamburi, pifferi e schioppi.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Adolfo Albertazzi

Parvenze e Sembianze di Adolfo Albertazzi

Parvenze e Sembianze di Adolfo Albertazzi di

Parvenze e Sembianze di Adolfo Albertazzi

Novelle umoristiche

Novelle umoristiche di

Novelle umoristicheDall’incipit del libro:Felicità è una vana parola? – Persona alta e forte; baffi neri e fieri; voce baritonale e, se bisognava, imperiosa; eppoi: un pennacchio bianco al kepì; spada al fianco e assisa quasi militare; saluto alla militare dai subalterni; dominio sul palco in piazza a dirigere la banda nei giorni di festa; precedenza a tutti nelle processioni e nei trasporti fu...

Parvenze e sembianze

Parvenze e sembianze di

svqervqervqe

Il diavolo nell'ampolla

Il diavolo nell'ampolla di

Il priore di un convento che cerca di scacciare lo spirito del diavolo rinchiuso in un’ampolla, facendo cadere in peccato i suoi confratelli; un conte filantropo che per cercare la vocazione in un giovane, dimentica che ogni cosa del mondo può chiamare a sé gli uomini, anche la guerra; un umile prete che per sottrarre del denaro al fratello scialacquatore, lo nasconde nel tabernacolo ma poi muo...

Vecchie storie d'amore

Vecchie storie d'amore di

Adolfo Albertazzi fu discepolo, amico e biografo di Giosuè Carducci. Fu insegnante a Mantova, a Foggia ed infine all'istituto Pier Crescenzi di Bologna. Narratore fecondo, vide la sua opera esaltata da alcuni e criticata da altri. Di lui Papini scrive "uno dei pochi prodigi della vivente letteratura italiana"; Luigi Russo lo giudica "Narratore ricco di ingegno e di cultura e di nobilissime inte...

TOP

TOP di

TOP è il nome del cane che dà il titolo a questa composizione di novelle di Adolfo Albertazzi.Dall'incipit del libro:— Top!Il cane seguitò per la sua strada, proprio opposta a quella da cui veniva il padrone — Prospero Marzioli — nel tornar a casa.— Top!Al secondo più forte richiamo il bracco dovè ricordarsi del castigo meritato altra volta facendo il sordo: una schioppettata della quale, più c...