La seconda vita di Annibale Canessa

Compra su Amazon

La seconda vita di Annibale Canessa
Autore
Roberto Perrone
Pubblicazione
16 gennaio 2018
Categorie
Negli anni Settanta Annibale Canessa è stato l'uomo di punta nella lotta al terrorismo, quella combattuta in strada, dove le ideologie o i colori politici contavano zero, le pistole sparavano e troppa gente è rimasta a terra. Poi c'è stato quel giorno nero del 1984 in cui tutto è crollato, certezze, fiducia, sogni… Così l'irruente Canessa ha lasciato l'Arma per un personale esilio a San Fruttuoso, tra nuotate all'alba e la gestione di un piccolo ristorante con l'anziana zia. Quando a Milano suo fratello Napoleone, che non vedeva da trent'anni, viene ucciso a colpi di Kalashnikov insieme a Pino Petri, l'ex terrorista arrestato proprio da Canessa tanti anni prima, arriva per lui il momento di disseppellire una verità tenuta nascosta troppo a lungo. Perché dalle ombre del passato non ci si libera mai del tutto. Un romanzo noir senza sconti, impeccabile, e un protagonista tormentato e indimenticabile.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Roberto Perrone

L'estate degli inganni

L'estate degli inganni di

Rischiare la pelle non è mai stato un problema per l'ex colonnello dei carabinieri Annibale Canessa, fin dai tempi in cui era ai vertici del Nucleo antiterrorismo, durante gli anni di piombo. Sguardo obliquo che incenerisce o seduce, implacabile charme da eroe solitario, "Carrarmato Canessa" sembra cambiato, adesso che divide la sua vita con Carla Trovati, la giovane, irresistibile giornalista...

La seconda vita di Annibale Canessa

La seconda vita di Annibale Canessa di

A quei tempi c'era una guerra. Lui era un soldato in divisa, eppure, allo stesso tempo, anche un battitore libero. Negli anni Settanta Annibale Canessa è stato l'uomo di punta nella lotta al terrorismo, quella combattuta in strada, dove le ideologie o i colori politici contavano zero, le pistole sparavano e troppa gente è rimasta a terra. "Carrarmato Canessa" lo chiamavano, perché era irruente,...