La città e i cani

Così rispondeva l'autore a chi, al momento della pubblicazione, gli chiedeva se La ciudad y los perros - bruciato in piazza dai militari, considerato dalla critica il migliore tra i suoi romanzi, - fosse un romanzo "sulla violenza". E la violenza - fisica e non - fa da sfondo al microcosmo del Collegio Leoncio Prado di Lima dove avviene l'educazione del protagonista-alter ego dell'autore. Un collegio retto da militari secondo una disciplina militare in cui confluiscono sia i figli delle classi inferiori ammessi per merito sia quelli delle classi alte mandati lí dalle famiglie nella speranza di domarli, e dove la sopraffazione, la forza bruta, il dispotismo sono le leggi della convivenza, a dispetto di regolamenti e norme. "Ero un bambino viziatissimo, presuntuosissimo, cresciuto, faccio per dire, come una bambina... Mio padre pensava che il Leoncio Prado avrebbe fatto di me un uomo, - ricorda Vargas Llosa, - ma per me fu come scoprire l'inferno".

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

La grammatica dell’odioIl Consigliere Letterario

Romanzo di straordinaria intensità emotiva, carico nel medesimo tempo di dolore e commozione, La città e i cani è una lettura che consuma e ferisce, è un viaggio senza ritorno nell’orrore, nello splendore, nella vita. Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per rispondere.

Altri libri di Mario Vargas Llosa

Elogio della lettura e della finzione (Vele Vol. 65)

Elogio della lettura e della finzione (Vele Vol. 65) di

Leggere è protestare contro le ingiustizie della vita, cosí come scrivere. Chi cerca nella finzione ciò che non ha, dice, senza la necessità di dirlo, e forse senza saperlo, che la vita cosí com'è non è sufficiente a soddisfare la nostra sete di assoluto. E che dovrebbe essere migliore.