Giardino guarnire

Avevo paura, per la prima volta in anni di servizio, sono davvero spaventato. I miei ex membri dell'equipaggio e io eravamo soliti prendere fuoco, ma era sempre inaspettato, e poi non c'era tempo per avere paura, era necessario fare ogni sforzo possibile per farci saltare i piedi. L'adrenalina lava via il sentimento di paura, c'e solo te qui e ora, che succedera dopo, non spaventa, in quel momento il futuro semplicemente non esiste.
Ora eravamo a caso sul corridoio buio, che poteva essere vuoto come potevano essere, e correre in una folla di guardie. Cosa succedera se veniamo catturati? Torture? Gli interrogatori? Non ci sara l'opportunita di inviare la tua nave in un attacco frontale e, almeno, di morire con onore. Essendo al timone, mi sono sempre calmato con questo pensiero - in casi estremi, andro al mondo successivo con fuochi d'artificio e accompagnato da un paio di dozzine di nemici.
Qui e ora ero molto spaventato dall'ignoto, ma preferirei morire sul posto piuttosto che mostrare la mia paura. Soprattutto Tyler.
Il capitano avanzo un po 'piu avanti, lentamente e senza fare rumore, guardo attentamente intorno e apparve assolutamente calmo. O era cosi abituato a essere in pericolo, o sapeva nascondere la paura come me.
Per non lasciare tracce, doveva portare con se una bottiglia di whisky. Senza pensarci due volte, Tyler lo mise in una grande tasca di pantaloni appena sopra il ginocchio. Si tolse notevolmente la gamba dei pantaloni, ma sembrava non interferire affatto con lui. Utilizzato per non prestare attenzione a piccoli inconvenienti?
Sapendo in anticipo dove stiamo andando, mi sono rivestito di sandali senza tacchi e mi sono anche mosso silenziosamente. Certo, ora preferirei avere un'uniforme su di me, anche a Londra, ma il guardaroba di Claire Hole non conteneva nemmeno i pantaloni. Accidenti a te, Laura! .. Era necessario indossare un vestito libero, in modo che, in caso di lotta, almeno non ostacolasse i movimenti.
Lo stretto corridoio piu volte si dirama, e Dio solo sa con quale principio Tyler stava decidendo quale strada da percorrere. Immaginai che ero solo a caso, ma non ho fatto domande, parlato, discuto e abitualmente litigato, avremo tempo dopo. Se usciamo di qui, ovviamente ...
Noi zarulili nel prossimo corridoio, con una grossa pipa sotto il soffitto gocciolante d'acqua, sul pavimento gia formate pozzanghere. Il suono delle gocce che cadono colpiscono i nervi, gia tese al limite.
Mi sono preso il naso. Qualcosa e cambiato. Qui, per l'odore di umidita, qualcos'altro, sgradevole, ma molto familiare, era confuso.
"L'odore delle medicine", sussurrai.
Tyler si volto in mezzo angolo e annui, si allontano ancora piu cautamente.
Dove siamo saliti e cosa sta succedendo nei "Tabernacoli del Paradiso", che si e rivelato piuttosto infernale?
Alla fine del corridoio, l'oscurita si dissipo, la luce venne dall'esterno. In che direzione conduce questo corridoio?
Il corridoio conduceva in una grande sala, che ricorda un magazzino. Anche la luce qui era piuttosto fioca, ma notevolmente piu luminosa rispetto alle transizioni che abbiamo gia superato. Sul perimetro della stanza dal pavimento al soffitto alto c'erano scaffali lunghi e stretti, quelli inferiori erano contenitori trasparenti con qualcosa di giallastro all'interno.
Tyler ando a una delle pareti, e poi improvvisamente balzo indietro con evidente disgusto sul suo volto.
"Che cos'e?" - Ho sussurrato, sentendo che ci siamo imbattuti in quello che stavamo cercando. Il suo cuore stava suonando. "Mio Dio ... e tutto cio che sono riuscito a dire, vedendo il contenuto dei contenitori."
"Organi umani" confermo Tyler, ipotizzando che sputasse.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Matthew Dodd

Sigaro con sapore di melone

Sigaro con sapore di melone di

Il giorno successivo, quando ci alzammo tutti in piedi per salutare il giudice entrante Herrington, notai che sembrava che non fosse riuscito a dormire abbastanza alla vigilia. Certo, non ho dormito affatto, e i cacciatori di Porter sui mnemomani e sul sonno mi hanno disturbato. Aspetta - ho detto cacciaviti? Intendevo un cacciavite, naturalmente. Dio, tutte queste conversazioni sul fatto...

Bacio asciutto e gentile

Bacio asciutto e gentile di

In serata, Ian ha continuato il suo lavoro attivo sull'esplorazione e la preparazione della sua fuga. Nonostante tutta la lucentezza e l'ostentata benevolenza, alcuni segni parlavano della gerarchia di ferro nel lupo. Sperava di organizzare una vita sicura per i giovani, almeno a spese dei loro talenti. Ma non dubitava di se stesso per un minuto: il ruolo della pseudo-Orina non poteva durare...

Vecchia vetrata della stazione ferroviaria

Vecchia vetrata della stazione ferroviaria di

La mattinata non e stata senza sorprese. Sulla soglia della vita instabile dei suoi amici apparve Ivanych. Colui che li ha protetti nel momento peggiore, aiutato dal trasporto, li ha trattati calorosamente con un notevole rischio per se stessi, e il primo ha parlato del Generale. - Quali sono i tuoi destini? - Nicholas sinceramente si rallegro e abbraccio persino Ivanych come un vecchio...

Voliera dalla paglia

Voliera dalla paglia di

Ilget rabbrividi, tornando in se. Un'acuta pieta la trafisse. Un peccato a cui non importava di piu: il suo dolore, la sua memoria, persino l'Arnis assassinato. "Capisci?" disse il sagano in una voce senza vita. - Si, - in un modo inesplicabile, Ilget sapeva cosa fare - non lo capiresti mai dalle persone. Voglio aiutarti. Voglio davvero aiutarti. Fidati di me Fidati, Haryion. Ripeti dopo...