Ucciderò il dolore

Teatro. Per Adelchi il dolore è un business, per Charlie rappresenta le radici, per Cecilia una gabbia da cui evadere il prima possibile, per Giorgio una consolazione necessaria per buttare avanti ore e minuti, per il distaccato fonte di ispirazione creativa

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Rosario Stefanelli

Con mio fratello si ballava in montagna

Con mio fratello si ballava in montagna di

Teatro. I buoni hanno bisogno di strade e piazze per sconfiggere il tempo. Charli, senza vie e senza ponti, ha preferito l’assolo alle lusinghe. E senza un perché vivrà oltre il tempo più di tante mezze calzette

I ricordi puzzano

I ricordi puzzano di

Teatro. Abel cerca di riconquistare i suoi cari annientando il passato. L’illusione di recuperare il tempo perduto e la caparbietà in un obiettivo impossibile lo spingeranno ad alzare la posta oltre ogni limite

Anche Dio avrà il suo reddito di cittadinanza

Anche Dio avrà il suo reddito di cittadinanza di

Teatro. Rivoluzione contro i talenti. Questi sono stati imprigionati per fermare i devastanti effetti dello sviluppo tecnologico sull’umanità. Thomas ex ricercatore si è offerto per sorvegliare i talenti. Rinnegando se stesso per evitare il destino infame, è costretto a convivere con i fantasmi creati dalla sua stessa vigliaccheria