Ucciderò il dolore

Teatro. Per Adelchi il dolore è un business, per Charlie rappresenta le radici, per Cecilia una gabbia da cui evadere il prima possibile, per Giorgio una consolazione necessaria per buttare avanti ore e minuti, per il distaccato fonte di ispirazione creativa

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Rosario Stefanelli

Spifferi di mamma

Spifferi di mamma di

Teatro. Linda e Alfredo sono due fratelli. Inseguono in modo diverso la madre, poco presente per il lavoro. i due la evocano, tra immaginazioni e rabbie, illusioni e furori, ipocrisie e amare verità

Con mio fratello si ballava in montagna

Con mio fratello si ballava in montagna di

Teatro. I buoni hanno bisogno di strade e piazze per sconfiggere il tempo. Charli, senza vie e senza ponti, ha preferito l’assolo alle lusinghe. E senza un perché vivrà oltre il tempo più di tante mezze calzette

Marmellosa Menzogna

Marmellosa Menzogna di

Teatro. La famiglia Di Matteo ha perso la cara figlia Lare. Colmar, il padre, non accettando la scomparsa, ha dato vita al vuoto. Paula, la moglie, ha assecondato la scelta del marito di vedere e parlare con il fantasma di Lare. L'unico in disaccordo è il figlio Mike, che fa di tutto per ridare normalità alla propria famiglia. Il ragazzo si inventerà qualcosa di originale perché sia proprio il ...

I ricordi puzzano

I ricordi puzzano di

Teatro. Abel cerca di riconquistare i suoi cari annientando il passato. L’illusione di recuperare il tempo perduto e la caparbietà in un obiettivo impossibile lo spingeranno ad alzare la posta oltre ogni limite

REPLY

REPLY di

Teatro. E se una interpretazione è stata talmente convincente da replicare in vita ciò che si è verificato in scena? E' possibile fruire dell'arte in modo così pragmatico da farne bussola della propria esistenza? Anche nelle estreme conseguenze?

Anche Dio avrà il suo reddito di cittadinanza

Anche Dio avrà il suo reddito di cittadinanza di

Teatro. Rivoluzione contro i talenti. Questi sono stati imprigionati per fermare i devastanti effetti dello sviluppo tecnologico sull’umanità. Thomas ex ricercatore si è offerto per sorvegliare i talenti. Rinnegando se stesso per evitare il destino infame, è costretto a convivere con i fantasmi creati dalla sua stessa vigliaccheria