Asfalto Vergine

Damon Killians non è sempre stato l’operaio sexy e inarrivabile su cui Katleeza Blacksilver, bellissima ereditiera, ha messo gli occhi. Il passato è impresso nella sua mente, stratificato come l’asfalto che stende su chilometri di strade ogni giorno. Damon è bello da togliere il respiro, riservato e taciturno, ma soprattutto… Vergine. Un aspetto di se che non ha mai considerato un problema. Fino all’arrivo dell’uragano Katleeza.

Non ho mai fatto sesso.
Dico sul serio.
Sto indossando una camicia stirata di fresco e mi fisso nello specchio, come se fossi costretto a farlo. Non sono uno che ama passare del tempo a rimirare la propria immagine. Scoprire qualche piccola ruga a lato degli occhi non mi preoccupa. Il tempo è democratico, passa per tutti, anche per chi se ne frega. Il tempo scorre inesorabile e io non ho mai posseduto una donna. Non so cosa voglia dire perdermi nell’estasi di un amplesso, al colmo di un desiderio portato al limite e lasciato esplodere, fino a rimanere senza fiato. Ne ho sentito parlare. Un mucchio di volte. Ma non posso dire di avere un’idea, nemmeno vaga, di cosa potrei provare se le mani morbide di una ragazza si posassero su di me, accarezzandomi. Non lo so. Annodo la cravatta guardandomi fisso negli occhi. Forse avrei dovuto farmi prete, a questo punto. Ma non sarebbe stato corretto. In me non esiste alcuna vocazione se non quella di volermi nascondere, mimetizzare. Ho sempre agito in modo da non attirare l’attenzione su di me. I commenti si sprecavano senza che ci aggiungessi del mio. Ero il più cesso, al liceo. Ero quello flaccido, sudaticcio e brufoloso, imbarazzante, per me stesso, per gli altri. Quando si doveva paragonare qualcosa in modo dispregiativo io rappresentavo il massimo valore negativo. L’esempio da non seguire. Mai.
Scaccio quei ricordi con un gesto del capo, lasciandomi sfuggire un sorriso beffardo.
Ora le donne dimostrano un crescente interesse nei miei confronti. Dicono di trovarmi incredibilmente sexy.
Ma io non ho mai scopato.
Neppure con una puttana.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Barbara Bluerosye

Il figlio del presidente: Parte Prima

Il figlio del presidente: Parte Prima di

Tratto dal romanzo:Anche stanotte sono stato torturato dallo stesso maledetto incubo. Rivedo la scena sin nei minimi, schifosi, dettagli. Mio padre che alza il braccio e mi colpisce con la mano destra, con una ferocia inaudita, lasciando sulla guancia di un bambino di dieci anni la ributtante impronta violacea della violenza. Era il giorno del funerale della mamma. Ricordo la lucida bara di mog...

Un principe per Angelica: Parte Prima

Un principe per Angelica: Parte Prima di

Respira, Angelica, Respira. Da quattro anni me lo ripeto continuamente, come un mantra. Da quattro anni cerco di superare lo stupro che mi ha disintegrata dentro, completamente. Poi all’improvviso arriva lui. Dio… E’ così dannatamente sexy… La sua voce roca e sensuale accende i miei sensi, facendomi infiammare in un modo che mai avrei creduto possibile. I suoi occhi color mare in burrasca mi ip...

Selena

Selena di

Italia, 2018. Esiste un luogo in cui da millenni il male trama in segreto, preparandosi all’epico scontro finale. Un luogo in cui ogni angolo cela simboli misteriosi, frammenti di un terribile sortilegio, capace di sterminare l’intero universo. Quel luogo meraviglioso, considerato dal mondo intero un autentico angolo di paradiso, sta per essere devastato dal male assoluto, il quale ha assunto l...

Una Stella per Il Rifugio di Francy

Una Stella per Il Rifugio di Francy di

Quella che sto per raccontare è una storia tristemente vera. Un storia terribile. Ma è anche una piccola perla di luce, una piccola scintilla in grado di riaccendere la speranza, celata in fondo alla nostra anima, accartocciata dagli scontri brutali con una realtà spesso spietata, feroce e priva di ogni sensibilità. C’era una volta un giorno terribile, il giorno in cui sono stata ritrovata in ...

Col caxxo che faccio la mamma

Col caxxo che faccio la mamma di

Emma Rose Blossom, professione nullafacente ereditiera a tempo indeterminato, pigra e viziata come pochi sul globo, praticante shopping e gossip a livello agonistico, non ha mai sopportato i mocciosi. Per essere precisi, è una di quelle che tronca ogni rapporto non appena appare all’orizzonte un test di gravidanza positivo. Il solo sentire un vagito in lontananza le scatena autentiche crisi ist...