Povera gente

Povera gente (1846) è il fortunato esordio letterario di Dostoevskij. Ambientato in un contesto sociale estremamente umile, il testo ci appare in parte ispirato a Il cappotto di Gogol'. Scritto in forma epistolare, il romanzo è dominato dal contrasto tra la forza dell'amore e il peso della povertà che opprime due giovani innamorati. L'autore ci mostra come pure nelle classi più basse della società si possa rintracciare una forma di bellezza unica e profonda. Traduzione di Federigo Verdinois.

Fëdor Michajlovič Dostoevskij nasce a Mosca il 30 ottobre 1821. Dopo aver perso ancora adolescente entrambi i genitori, nel 1844 decide di abbandonare la carriera burocratica per dedicarsi alla scrittura. Accusato di complottare contro il regime zarista, nel 1849 viene condannato a morte. La sentenza inaspettatamente viene però commutata in quattro anni di lavori forzati in Siberia. Dopo questa terribile esperienza compone alcune opere fondamentali (I demoni, L'idiotaI fratelli Karamazov). Il suo romanzo più letto e conosciuto resta comunque Delitto e castigo(1866). Si sposa due volte, vive un'esistenza piena e senza limiti. È considerato, insieme al Tostoj, il più grande scrittore russo di sempre. Muore a San Pietroburgo il 9 febbraio 1881.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Fedor Dostoevskij

Le notti bianche

Le notti bianche di

Sono completamente senza una storia. Come si dice da noi, ho vissuto per me stesso, cioè completamente solo.

Povera gente

Povera gente di

Mia impagabile Varvara Alexeevna!ieri sono stato felice, smisuratamente, inimmaginabilmente felice!

Le notti bianche - La cronaca di Pietroburgo

Le notti bianche - La cronaca di Pietroburgo di

“Era una notte meravigliosa, una di quelle notti che forse possono esistere solo quando si è giovani”Un giovane sognatore, nella magia vagamente inquieta delle nordiche notti bianche, incontra una misteriosa fanciulla e vive la sua “educazione sentimentale”, segnata da un brusco risveglio con conseguente ritorno alla realtà. Un Dostoevskij lirico, ispirato, comincia a riflettere sulle disillusi...

Il sosia

Il sosia di

A differenza del tradizionale sdoppiamento del protagonista in un personaggio buono e uno cattivo, come in Stevenson, o dello sdoppiamento della personalità in base a contraddittorie proprietà in essa contenute, Dostoevskij crea un sosia, per così dire, mobile, cioè che muta e varia continuamente insieme con lo stesso Goljàdkin. Infatti, quando troviamo per la prima volta Goljàdkin-junior in uf...

Dostoevskij. L'Idiota (LeggereGiovane)

Dostoevskij. L'Idiota (LeggereGiovane) di

L’idiota, ha notato Vittorio Strada, è il «più fantastico e uno dei più originali romanzi dostoevskiani». In un’umida giornata novembrina arriva a Pietroburgo il principe Lev Nikolaevi? Myškin. È venuto a proclamare la sua verità da “idiota”, che sovverte le tradizionali contrapposizioni tra Bene e Male, tra Amore e Odio e afferma una sua nuova Legge: quella della compassione e dell’accettazion...

Dostoevskij. Delitto e castigo (LeggereGiovane)

Dostoevskij. Delitto e castigo (LeggereGiovane) di

Il giovane Raskòlnikov, abbandonati gli studi, decide di uccidere una vecchia usuraia per dimostrare a se stesso di essere un uomo “eccezionale”, al di là del bene e del male. Rimasto travolto dal proprio atto e tormentato dalla coscienza del fallimento, si consegna spontaneamente alla giustizia, cedendo a quella stessa norma che credeva di poter travalicare. Colpa, condanna ed espiazione: ques...