Roma, polvere di stelle: La speranza fallita e le idee per uscire dal declino (Tempi moderni)

Compra su Amazon

Roma, polvere di stelle: La speranza fallita e le idee per uscire dal declino (Tempi moderni)
Autore
Berdini Paolo
Editore
Edizioni Alegre
Pubblicazione
15 febbraio 2018
Categorie
“Onestà, onestà”, è il grido dei consiglieri nell’aula Giulio Cesare il 7 luglio 2016 nel momento in cui si insedia la giunta Raggi. Una vittoria elettorale schiacciante che raccoglie il sentimento di condanna verso i due schieramenti che, in sostanziale continuità, hanno distrutto il governo pubblico della città.Paolo Berdini accetta di fare l’assessore, ma l’esperimento di rottura con il passato dura due mesi. Il “cerchio magico” del sindaco prima costringe alle dimissioni il capo di gabinetto Raineri e l’assessore al bilancio Minenna, poi mette le mani sulle municipalizzate. Infine scavalca in più occasioni le proposte dell’assessore all’urbanistica, dalla questione Olimpiadi al programma “Un tetto per tutti”, fino all’epilogo dell’accordo sullo stadio della Roma a Tor di Valle, la più grande speculazione urbanistica della storia moderna.Decisioni in cui emerge il ruolo opaco di alcune figure: il braccio destro del sindaco Raffaele Marra poi arrestato per corruzione; lo studio legale Sammarco; l’avvocato esperto di banche Luca Lanzalone, che prima gestisce la trattativa con l’As Roma poi viene messo a capo di Acea, da sempre snodo fondamentale del potere romano.In questo libro Berdini fa un bilancio in prima persona della sua esperienza dentro la giunta Raggi, analizzando a fondo i mali di una città che non regge, i cui guasti scoperchiati dall’inchiesta “Mondo di mezzo” hanno radici profonde. Una città cresciuta troppo e male sotto il dominio della proprietà fondiaria, senza regole di governo delle trasformazioni urbane, in cui le periferie sprofondano e l’emergenza abitativa viene affrontata solo con sgomberi disumani.La speranza della giunta Raggi è fallita perché l’impreparazione dei suoi dirigenti ha permesso il sostanziale ritorno dell’influenza dei poteri che governano da trent’anni la città. La totale assenza di cultura alternativa ha impedito ai Cinque stelle di trovare i necessari anticorpi.Compito di chi ha a cuore Roma sarà quello di tentare di costruire su basi culturali più robuste il tentativo di salvare la capitale dal declino.

Nella nuova giunta Raggi dietro alla cultura Cinque stelle apparentemente avulsa da ideologie e schieramenti politici si è stabilito un sistema di potere singolare. C’è il mondo conservatore di cui è esponente l’avvocato Sammarco. Ci sono il Pd e la destra di Alemanno, principali responsabili del tracollo della città e dello scandalo Mafia capitale, tornati tranquillamente al comando dell’urbanistica. Ci sono le grandi banche che si affidano all’avvocato Lanzalone. Ci sono infine le grandi imprese multinazionali, come Suez-Gas de France, che si contendono il controllo del sistema dell’acqua e dello smaltimento dei rifiuti solidi urbani. Un ircocervo inedito che rappresenta tutti i poteri. Meno quelli della parte debole della società.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo