Lui, io, noi (Einaudi. Stile libero extra)

L'infanzia di Dori e quella di «Bicio», che mostra come la storia sia sempre stata una sola, anche quando loro non si conoscevano. Il primo incontro, a un premio musicale vinto da entrambi, durante il quale non smettevano di guardarsi. La nascita della figlia Luvi e la quotidianità campestre in Gallura. I mesi del sequestro, in cui a sostenerli fu proprio quel legame «fermo, limpido e accecante» che sarebbe continuato oltre il tempo. Un tempo sempre scandito dalla magia degli incontri: da Marco Ferreri a Lucio Battisti, da Cesare Zavattini a Fernanda Pivano. Tra bambine che chiacchierano con Arturo Toscanini e bambini che bevono cognac sotto i bombardamenti. Tra cuccioli di tigre allevati in salotto e un viaggio in nave con un toro limousine. Scritto assieme agli sceneggiatori di Principe libero, il film tv sul cantautore, Lui, io, noi è una storia privata che s'intreccia con quella pubblica di chi, da sessant'anni, ascolta De André. Soprattutto è il racconto intimo, commovente, a tratti perfino buffo, di un grande amore.

«Ci guardiamo, e a tutt'e tre viene da pensare, istintivamente, a un giorno non troppo lontano degli anni Ottanta, magari; o a una notte di primavera dei Novanta. Con Fabrizio che s'aggira sospettoso sulle sue, di clarks, perché gli è sembrato di sentire un brusio in camera da letto di cui ora ha perso le tracce; e per un attimo, un attimo soltanto, ha avuto l'impressione di un qualche futuro sghembo di cui gli sembrava di aver avvertito l'eco: fluttuante, e incerta, come tutte le voci lontane quando ci chiamano da lunga distanza».

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di AA. VV.

Garibaldi - Vita pensiero interpretazioni: Dizionario Critico (Storia e memoria)

Garibaldi - Vita pensiero interpretazioni: Dizionario Critico (Storia e memoria) di

Quest'opera non è un dizionario nel senso tradizionale del termine. Non pretende di presentare l'intero, e per certi aspetti, inesauribile universo garibaldino. Come sarebbe possibile infatti ridurre un personaggio cosí ricco e complesso, per tanti versi cosí esorbitante - tante volte raccontato, oggetto dei giudizi e dei commenti più diversificati - nelle pagine di un dizionario? Questo è un r...

La Mala Informaciòn. Il male del nostro tempo raccontato da nove corrosivi comedian (-)

La Mala Informaciòn. Il male del nostro tempo raccontato da nove corrosivi comedian (-) di

Ha ragione Antonio Rezza, comedian sperimentale senza eguali, quando afferma che "il problema dei giornali è che sono scritti da chi non ha mai letto un lettore". Ma la cattiva informazione in Italia si manifesta in molte forme: con il servilismo cialtrone, con il filtro delle notizie, con la manipolazione strisciante, con la censura, con la contro-informazione da Grande Fratello (quello vero)....

Il Casalese. Ascesa e tramonto di un leader politico di Terra di Lavoro (Fatti & misfatti)

Il Casalese. Ascesa e tramonto di un leader politico di Terra di Lavoro (Fatti & misfatti) di

Uno spaccato dell’Italia di Berlusconi; della politica senza passato e dall’incerto futuro. E da filo conduttore all’ultimo ventennio di storia politica dell’Italia, le tante - forse troppe - coincidenze che hanno scandito un’altra significativa storia: quella di Nicola Cosentino, il potente coordinatore del Pdl della Campania, ed ex sottosegretario all’Economia con delega alla Programmazione E...

Quello che le donne (Einaudi tascabili. Biblioteca Vol. 60)

Quello che le donne (Einaudi tascabili. Biblioteca Vol. 60) di

«Col cuore, io mi trovo legata a tutte le donne, anche quelle che mi sembrano le piú opposte a me, se appena mi dico che ognuna ha sofferto o soffrirà, ha nutrito un sentimento, ha provato la gioia di un sorriso ricambiato o l'angoscia d'una solitudine». Sibilla Aleramo

Parlami d'amore

Parlami d'amore di

Una piccola antologia di aforismi, poesie, frasi celebri scelte fra le più belle di tutti i tempi, dalla letteratura greca fino al cinema contemporaneo.

Fobie. Autori disadattati "in cura da" Alessandro Greco

Fobie. Autori disadattati "in cura da" Alessandro Greco di

Prima ho usato le buone, poi le minacce. E alla fine li ho costretti a scrivere. Ho detto loro che scrivere li avrebbe aiutati a vincere le proprie paure, e a ricostruirsi una personalità forte, invincibile. E così come Jung sculacciava Sabina Spielrein, io ho frustato questi ragazzi affinché potessero offrire prova di quanto la mia “branoterapia” sia un antidoto alla senescenza; in tre mesi di...