Ciascuno a suo modo

"Ciascuno a suo modo" è una commedia scritta da Luigi Pirandello nel 1924. L'opera fa parte della cosiddetta trilogia del teatro nel teatro, preceduta da "Sei personaggi in cerca d'autore" e seguita da "Questa sera si recita a soggetto".
La rappresentazione della commedia si svolge in due spazi scenici differenti: il palcoscenico da un lato e i luoghi generalmente utilizzati dal pubblico, come l'ingresso, il foyer e la sala, dall'altro.
La commedia mette in risalto la contraddizione interna di ogni essere umano tra le proprie azioni e le motivazioni dell'altro che è dentro di noi e viene chissà di dove e determina 'non si sa come' i nostri atti.
Lo sdoppiamento tra i personaggi e i loro atti è ottenuto tramite la contemporanea presenza, in sala e sul palcoscenico, dei protagonisti di un caso di cronaca.

Luigi Pirandello (28 giugno 1867 – 10 dicembre 1936) è stato un drammaturgo, scrittore e poeta italiano, insignito del Premio Nobel per la letteratura nel 1934. Per la sua produzione, le tematiche affrontate e l'innovazione del racconto teatrale è considerato tra i maggiori drammaturghi del XX secolo.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Luigi Pirandello

Sei personaggi in cerca d'autore - Enrico IV (Oscar classici moderni Vol. 22)

Sei personaggi in cerca d'autore - Enrico IV (Oscar classici moderni Vol. 22) di

Il massimo testo del "Teatro nel teatro", l'impossibilità della rappresentazione delle tragedie umane e il dramma dell'uomo che si accorge di aver sprecato la sua giovinezza nella follia provocata dall'atto criminale di un rivale nei due straordinari capolavori teatrali di Pirandello. Il vertice della produzione drammaturgica del più originale autore italiano del Novecento.

Il piacere dell'onestà (Biblioteca italiana)

Il piacere dell'onestà (Biblioteca italiana) di

Per salvare la facciata di specchiata onestà e conservare una maschera di onorabilità il marchese Fabio Colli si trova costretto a far sposare la propria amante incinta allo spiantato Angelo Baldovino. Nelle intenzioni del marchese il matrimonio dovrebbe essere puramente di facciata, ma la situazione prende fin da subito una direzione per lui inaspettata e indesiderata. Completano il volume una...

Enrico IV. La morsa (Biblioteca italiana)

Enrico IV. La morsa (Biblioteca italiana) di

Scritta tra il settembre e il novembre 1921, l’“Enrico IV” è cronologicamente la prima opera teatrale pirandelliana a portare la definizione di “tragedia” (una delle pochissime: le altre sono "La vita che ti diedi" e "Diana e la Tuda") e la sola nell’intero corpus pirandelliano a essere intitolata con il nome del suo protagonista invece di avere uno dei suoi consueti titoli metaforici. Chiude i...

Uno, nessuno e centomila: 89 (Classici)

Uno, nessuno e centomila: 89 (Classici) di

L’ultimo romanzo di Luigi Pirandello, Uno nessuno e centomila, uscito nel 1926, riesce a sintetizzare il pensiero dell'autore nel modo più completo. Pirandello stesso lo definisce come il romanzo "più amaro di tutti, profondamente umoristico, di scomposizione della vita". Il protagonista Vitangelo Moscarda, infatti, può essere considerato come uno dei personaggi più complessi del mondo pirandel...

Novelle per un anno: 86 (Classici)

Novelle per un anno: 86 (Classici) di

Dopo aver pubblicato nel corso degli anni numerose novelle, Luigi Pirandello nel 1922 intraprende un lavoro di sistematizzazione dei diversi racconti scritti, nascono così le Novelle per un anno. Il patetico, il comico e il tragico quotidiano sono la materia di questo periodo della produzione dell’autore. L'esposizione di un evento singolare fornisce all'autore l'occasione di esprimere le temat...

I Vecchi e i Giovani [annotato]

I Vecchi e i Giovani [annotato] di

annotato: contiene la biografia di Pirandello e un saggio di criticaÈ un romanzo sociale di ambientazione siciliana. È la Sicilia dei sanguinosi moti dei "Fasci" del 1893, sconvolta dalle lotte di classe, con i clericali da un lato, tesi ad impedire il consolidamento del nuovo regime liberale, e la classe dirigente dall'altro, che disperde nel disordine morale i sacrifici e i meriti acquisiti.P...