Ritratti satanici

“Ritratti satanici” è una raccolta di ritratti che, pur stilizzati, non sono caricature e raccontano per un periodo di quasi un anno spicchi di storia italiana e internazionale; spunti umoristici per un racconto diverso che può diventare un affresco, in questo caso più tragico che comico, che cerca ambiziosamente di capire dove l’Italia e il mondo vanno a precipitare.
I ritratti sono stati ispirati da frasi, atteggiamenti, pose, anche non immediate o collegate, ma utili alla visione d’insieme che si è cercato di sviluppare.
-
Il nome “Ritratti Satanici” si ispira ai più famosi “Versetti Satanici” che costarono la condanna a morte in contumacia a Salman Rushdie da parte di Khomeyni.
I Ritratti Satanici quindi riprendono personaggi famosi o presunti tali nelle loro frasi vere o inventate, cercando di mettere in evidenza il significato che si nasconde dietro di esse. Ancora di più si riscontra questa ricerca nelle frasi messe in bocca ai personaggi d’epoca di “ Se non lo ha detto potrebbe dirlo” in cui si vuole satireggiare lo status quo attraverso personalità che questo status hanno contribuito, volenti o nolenti, a crearlo, ma in cui quasi sicuramente non si riconoscerebbero.
In questo brevissimo escursus di 50 personaggi (da Trump a Obama, da Renzi a Grillo o da Zorro a Celentano o ancora da Hitler a 007 o a Freud) si mettono comicamente in evidenza i problemi, ma non le soluzioni perché talmente evidenti da essere scomode e non accettabili senza una rivoluzione copernicana del nostro modo di pensare il futuro.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo