TORNARE A CASA: aleawdat 'iilaa watnihim

Amir e Francesca si conoscono alla facoltà di medicina, al Policlinico universitario di Roma, dove frequentano entrambi il primo anno. Francesca è una romana DOC, figlia di un noto cardiochirurgo. Conduce una vita agiata e non ha un solo problema al mondo. Amir è un profugo palestinese, fuggito dall’inferno della guerra a sedici anni. I suoi fratelli lo mantengono agli studi, ma naturalmente incontra molte difficoltà in paese e alle prese con i durissimi studi di medicina e una lingua completamente diversa dalla sua. Francesca si offre di aiutarlo nello studio, gli presta i suoi appunti e studia con lui in biblioteca ogni volta che può. Grazie al suo aiuto Amir riesce a superare gli esami universitari con facilità.Tra loro nasce una delicata amicizia e i due ragazzi procedono affiancati, studiando le medesime materie e superando insieme gli esami.
Francesca è fidanzata con Marco, un ragazzo che conosce fin da piccola, molto amato dalla sua famiglia e molto ambizioso, sogna infatti di diventare un cardiochirurgo di fama, come il padre di Francesca. L’incontro con Amir, tuttavia, mette in crisi il suo rapporto con Marco e rimette in discussione tutte le sue convinzioni e tutto ciò in cui crede fermamente.
La famiglia di Francesca, preoccupata dalle loro diversità culturali,aggravate dal fatto che Amir sia un profugo palestinese, non approva questa amicizia e suo padre infine la costringe dietro minaccia di rendere la vita impossibile ad Amir, a interrompere i rapporti con il ragazzo a cui sembra tenere particolarmente.
Gli anni si susseguono, in un’altalena di sentimenti, di incontri furtivi e di promesse rinnovate. Altraguardo della laurea le vite di Amir e Francesca si intrecciano nuovamente. Francesca comincia a maturare la consapevolezza di non poter più tenere Amir lontano dalla sua vita.
Il ragazzo la invita in Giordania a conoscere la sua grande famiglia e le rivela di essere innamorato di lei. I due iniziano una difficile relazione in cui si impegnano a rispettare le reciproche differenze culturali e religiose, ma ben presto comprendono che, malgrado le buone intenzioni, non è affatto semplice conciliare le loro vite.
Quando Amir accetta di essere assunto come anestesista dall’ospedale militare di Kuwait City, Francesca va in crisi, in bilico tra due mondi e tra culture diverse: la sua vita di cittadina occidentale e l’uomo che le ha rubato il cuore. L’arrivo di un bambino riesce a risolvere il dilemma. Francesca parte alla volta di Medimat (Kuwait City) per raggiungere Amir. Ha inizio così un’esistenza divisa a cui i due non riescono a rinunciare, ma alla fine sarà il destino a decidere per loro.
Questo romanzo è liberamente ispirato ad una storia vera.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Carmela Maria Gentile

Il profumo del mare d'inverno: New edition

Il profumo del mare d'inverno: New edition di

“Avevo girato il mondo in lungo e in largo, ma non avevo mai visto un luogo più bello e non era solo il cuore ad affermarlo. L’ironia di questo pensiero mi colpì con la forza di un maglio demolitore; avevo trascorso almeno la metà della mia vita sognando di fuggire dalla mia città, dall’ambiente ristretto e provinciale e dai suoi orizzonti limitati e quando ne avevo avuto l’opportunità, non ero...