Leonardo da Vinci

« Leonardo da Vinci fu il figlio naturale di ser Piero da Vinci, notaio della repubblica fiorentina. Amoretti, bibliotecario presso la Biblioteca Ambrosiana, personaggio celebre a cui dobbiamo il lavoro più completo sulla vita e sui capolavori di Leonardo da Vinci, si dette una missione per dimostrare che l’autore della Gioconda, figlio illegittimo di ser Piero, è stato inevitabilmente reso figlio legittimo. Senza dare molta importanza a questo fatto più di quanto esso merita, e poiché si tratta di un artista illustre di cui ho da giudicare le opere e non la genealogia, confesso che gli argomenti scritti da Amoretti sembrano senza replica.
In effetti, è evidente che Leonardo non essendo stato legittimato, di conseguenza non poteva essere ammesso alla condivisione dei beni del padre ser Piero. Ser Piero, il padre di Leonardo da Vinci, si è sposato tre volte, e sappiamo con certezza che nessuna delle tre mogli fu la madre di Leonardo. Sappiamo, peraltro, che dopo la morte di ser Piero, Leonardo ha sostenuto un processo contro i suoi fratelli consanguinei, e le nozioni più elementari di diritto civile ci dimostrano che, un figlio non legittimo non ha alcun diritto alla condivisione dei beni dei genitori. Secondo queste nozioni si deduce che Leonardo non essendo figlio legittimo, poteva perdere il processo in tribunale poiché non sarebbe riuscito a trovare alcun tribunale disposto ad accoglierlo...»

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo