Anche Dio avrà il suo reddito di cittadinanza

Teatro. Rivoluzione contro i talenti. Questi sono stati imprigionati per fermare i devastanti effetti dello sviluppo tecnologico sull’umanità. Thomas ex ricercatore si è offerto per sorvegliare i talenti. Rinnegando se stesso per evitare il destino infame, è costretto a convivere con i fantasmi creati dalla sua stessa vigliaccheria

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Rosario Stefanelli

Il Guardiano delle Lauree

Il Guardiano delle Lauree di

TEATRO. PERSONAGGIWILLIAM, Guardiano del faroGLANDER, Vescovo, ex SchutzstaffelDIODON VALERIO, Imprenditore assetato di business remunerativiRAMONA, badante di Don ValerioMIKE, il figlio prete di Don ValerioASIM, marito mutilato di RamonaEDAM, compagno mutilato di MikeROTH, banchiereGOLDMAN, banchiere 

Con mio fratello si ballava in montagna

Con mio fratello si ballava in montagna di

Teatro. I buoni hanno bisogno di strade e piazze per sconfiggere il tempo. Charli, senza vie e senza ponti, ha preferito l’assolo alle lusinghe. E senza un perché vivrà oltre il tempo più di tante mezze calzette

Liberi tutti e la zavorra dei sogni infranti

Liberi tutti e la zavorra dei sogni infranti di

Teatro. Giovanni, un padre, che ha fatto e fa di tutto per essere un genitore sbagliato. La cessione di un sogno può correggere l'impostazione di sempre. E' un attimo che tutto guarisce

L'usufruttuario del mio intestino

L'usufruttuario del mio intestino di

Teatro. Le false certezze non possono durare in eterno. Arriva prima o poi il tramite che libera voci inascoltate per non soffrire. Questo accadrà a Goffredo nella relazione con il padre ammalato

La pistola cum laude

La pistola cum laude di

Teatro. Matteo Giuseppe, da sempre studente e ragazzo modello, dopo l'ennesimo esame universitario, rientra a casa. Davanti ai genitori trepidanti, poggia sul tavolo della sala da pranzo una pistola 

Mario e Simona

Mario e Simona di

Teatro. Mario e Simona, marito e moglie. Entrambi cinquantenni. Si ritrovano la sera come al solito nel silenzio. E’ un’agonia il tentativo continuo di opporsi all’assenza di parole. Apre squarci e ferite, cose non dette o mai ammesse del tutto. Tutto questo fa rumore. Ma resta contorno, in quanto l’obiettivo di una coppia abituata al silenzio è perpetuare ad ogni costo il rapporto stesso. Ci r...