Che vita spericolata! (Il Trenino verde)

Qualcuno potrebbe pensare che Dante – il protagonista di questa storia – sia un ragazzino davvero terribile. E non avrebbe tutti i torti: per esempio, è stato proprio lui, a mettere a ferro e fuoco la scuola. E ha il brutto vizio di farsi gioco dei supplenti, oltre a scorrazzare tra i passanti sui suoi rollerblade, insieme agli amici del cuore. Questa d’altronde è l’unica “vita spericolata” che lo diverte, soprattutto se c’è Ludovica, della quale è segretamente innamorato. Ma quando le cose cominciano ad andare davvero male, ecco che il suo più grande amico diventa uno strano professore, che sa ascoltarlo e che non lo giudica dalle apparenze…
Età: dai 10 ai 14 anni.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Gianfranco Liori

La partita più importante del mondo (Il Trenino verde)

La partita più importante del mondo (Il Trenino verde) di

Com’è possibile che la squadra di calcio più scalcinata disputi la finale della Coppa dei Campioni? E che figura potrà mai fare un gruppo di ragazzacci di un paesino sperduto che non hanno mai dato un calcio serio ad un pallone contro i giovani giocatori più forti d’Europa? Ve lo racconta Sergio, capitano, alle prese con un fratello dispettoso, irriverenti compagni di scuola e qualche amica inn...

La macchina del cervello (Il Trenino verde)

La macchina del cervello (Il Trenino verde) di

Demetrio (undici anni) è un esperto di computer, proprio come suo padre Arnaldo, e appena ha un po’ di tempo libero ne approfitta per giocare con la Playstation. È il padrone di Schwarz (diminutivo di Schwarzenegger), un pincher nano che si diverte ad azzannare le caviglie dei vicini antipatici.Un giorno si ritrova a provare di nascosto un curioso aggeggio che suo padre si è fatto spedire dagli...