Morte? No, grazie!

Lasciata alle spalle la bellissima città lacustre di Ginevra, determinata a raggiungere l’altrettanto bella città marittima di Genova, una donna sola al volante conduce la sua piccola, bianca e recalcitrante. utilitaria sulle flebili tracce del suo uomo, improvvisamente e misteriosamente sparito nel nulla.
La persona scomparsa è uno scienziato italiano, tal Adriano Parodi, eclissatosi e divenuto irrintracciabile al telefono e via e-mail, qualche tempo dopo aver lasciato, sbattendo la porta, il suo impiego al C.E.R.N, per divergenze con la dirigenza della prestigiosa struttura internazionale.
Anche la sua compagna, Ivana Cortesi, è una scienziata italiana che lavora come ricercatrice nel famoso centro europeo che gestisce il sincrotrone più grande e conosciuto del mondo.
La donna indirizza la sua ansiosa ricerca ad una villa di proprietà dell’uomo, in prossimità del capoluogo ligure e, proprio lì, dopo esservi entrata di nascosto, riesce a leggere, con molte peripezie, un curioso file trovato aperto sullo schermo di un portatile; si tratta di un ebook scritto da Adriano, forse intenzionato a diffonderlo col auto-pubblicazione, riguardante una teoria scientifico/filosofica dell’autore, intitolata ‘Teoria della vita diffusa’, che lei apprezza solo in parte, bocciandola dal punto di vista scientifico, poiché ritiene che sia impossibile per chiunque verificarla sperimentalmente.
In modo rocambolesco, finisce per scovare l’uomo in un’autorimessa nei pressi della sua villa, proprio mentre è impegnato in uno sconcertante esperimento, mirato a verificare la validità della sua ipotesi, in compagnia di una certa Agnes Alvarez e dell’incolpevole cadavere di Mario Pacinotti, marito della donna.
L’esperimento riguarda proprio il corpo del defunto, divenuto tale da poche ore, con cui lo scienziato riesce incredibilmente a comunicare, in presenza delle due donne, dimostrando così la validità della teoria trattata nel suo ebook; in estrema sintesi, quella teoria presuppone che la vita sia diffusa ovunque, in forma primitiva nei quanti di energia chiamati fotoni e, in forma più complessa e stabile, nelle particelle di materia, quark ed elettroni.
Tutti gli esseri viventi più complessi, composti di particelle di materia, hanno un’anima che sopravvive alla loro morte, costituita da una delle particelle componenti, che l’autore chiama ‘leader’, che ne garantisce l’individualità, comandando su tutte le altre.
La comunicazione avviene proprio tra il portatile dello scienziato e la particella ‘leader’ di Mario, tramite una apparecchiatura che ricorda, agli esperti del settore, il tubo sottovuoto a raggi x, usato negli esperimenti sull’effetto Compton.
Il risultato dell’esperimento è eclatante, ma le modalità usate nell’eseguirlo vanno oltre i limiti della legalità, ed impegnativo risulta essere, tra l’altro, il tentativo di spiegare le proprie ragioni al pur tollerante commissario Bassetti, al più coriaceo ispettore Andretti e, soprattutto, ai magistrati.
L’esperimento finisce per generare mostri ed innescare situazioni paradossali che coinvolgono tutte le forze di polizia, in un turbinio di eventi che oscillano dalla fantascienza al thrilling.
Gli importanti contenuti scientifici, filosofici e religiosi, che potrebbero far pensare ad una lettura impegnativa, sono in realtà poco approfonditi, poco più che abbozzati, nonché ovattati dalla sdrammatizzante ironia della narrazione; il loro impatto sulla fluidità del racconto è anche ammortizzato e ammorbidito dalle vivaci azioni cui i protagonisti sono costretti dal precipitare degli eventi.
Nel finale, in cui molti dei punti interrogativi emersi in precedenza trovano risposta, il numero degli eventi sorprendenti supera nettamente quello degli eventi scontati.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Adriano Poggio

Delitti a Nord-ovest: Una stella da sceriffo

Delitti a Nord-ovest: Una stella da sceriffo di

Tutto comincia con uno spaventoso temporale che colpisce la Riviera di Ponente. Nel buio di una notte tempestosa,.la paura che, non invitata, irrompe sulla scena fin dall'inizio, accompagna i personaggi della storia anche durante le nevicate che imbiancano le dolci colline del basso Piemonte o durante l'ibcombere dei banchi di nebbia che ne affliggono le valli. Nel Nord-Ovest d'Italia,un rigido...

Delitti griffati

Delitti griffati di

Da un sensuale connubio tra una maliziosa alba settembrina e un irriverente tetto in ardesia, copertura tipica della regione ligure, ove accadono i fatti narrati, viene faticosamente alla luce, figlio indesiderato, un tragico evento delittuoso, padre ,a sua volta, di una valanga di emozioni., per niente in sintonia con l'ambiente della serena regione ove si può assaporare il mare insieme alla m...

La casa gialla: Scorciatoia impossibile

La casa gialla: Scorciatoia impossibile di

In uno scenario idilliaco su una verde collina circondata da boschi cedui, un indecifrabile mistero avvolge una casa dalle pareti gialle; nella sede di una azienda manifatturiera in un antico palazzo dall'architettura maestosa, in una vivace città, un rocambolesco furto fa entrare in scena una Smith & Wesson calibro 38, inaspettatamente presente nel bottino. Iniziano così due storie molto div...

Un universo parallelo

Un universo parallelo di

Nel parco di una misteriosa villa a tre piani, edificata in un’area verde alla periferia di Boston, nel lontano Massachusetts, nel corso di una notte che si sta rivelando ricca di ambiguità, una banale luce da pochi watt, che fuoriesce da una delle stanze del primo piano di quella costruzione dall’aspetto un po’sinistro, diventa inaspettatamente protagonista. Non dovrebbe esserci nessuno in qu...