Le false resurrezioni (Einaudi tascabili. Scrittori)

Alle prese con ambizioni frustrate e desideri infranti, tre quarantenni tentano goffamente di resuscitare dalle ceneri di fallimenti piccoli e meno piccoli, rincorrendo una maturità che quasi sempre ha il volto di una donna. È il caso del protagonista di Segni d'oro, che pensava di insegnare all'università e si ritrova bibliotecario infelice in un paesino di provincia. In crisi con la moglie, dopo una fuga passionale sui Colli Euganei scopre di trovare verità e bellezza solo nell'esaltante lessico degli antichi poeti. In Eccesso di zelo, un dattilografo si perde nella stessa inconcludenza. Sullo sfondo di una Roma disfatta dal caldo, si lascia coinvolgere in un conflitto di coppia altrui dapprima per pura cortesia, poi con un fervore sempre crescente, lanciandosi in un'impresa cavalleresca alla rovescia che metterà a rischio tutte le sue conquiste dell'età adulta. Altrettanto ansioso e nel pieno di una crisi è infine il protagonista di Denti, un racconto che si dischiude come una bocca aperta sulla vita di un insegnante divorato dai ricordi e ossessionato dalla gelosia, nonché dai propri incisivi enormi. Le false resurrezioni si legge d'un fiato, complice l'irresistibile filtro dell'ironia e del paradosso con il quale Starnone passa al setaccio la follia dei sentimenti e l'ingiustizia del dolore.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione

Aggiungi un articolo

Mangialibri

Le false resurrezioniMangialibri

Il viaggio da Montemori ad Arquà resta memorabile ma con insufficienti dettagli. Quei dettagli che avrebbe dovuto appuntare sul suo quadernetto e che invece sono sintetizzati in una E puntata e qualche frase smozzicata. E quelle frasi sintetiche e criptiche non hanno alcun significato adesso. Un bibliotecario che arrotonda lo stipendio con la stesura di tesi di laurea e Leggi tutta la recensione

Registrati o Accedi per commentare.

Altri libri di Domenico Starnone

Confidenza (Supercoralli)

Confidenza (Supercoralli) di Domenico Starnone EINAUDI

Pietro vive con Teresa un amore tempestoso. Dopo l'ennesimo litigio, a lei viene un'idea: raccontami qualcosa che non hai mai detto a nessuno - gli propone -, raccontami la cosa di cui ti vergogni di piú, e io farò altrettanto. Cosí rimarremo uniti per sempre. Si lasceranno, naturalmente, poco dopo. Ma una relazione finita è spesso la miccia per quella successiva, soprattutto per chi ha bisogno...

Lacci (Supercoralli)

Lacci (Supercoralli) di Domenico Starnone EINAUDI

«Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie». Si apre cosí la lettera che Vanda scrive al marito che se n'è andato di casa, lasciandola in preda a una tempesta di rabbia impotente e domande che non trovano risposta. Si sono sposati giovani all'inizio degli anni Sessanta, per desiderio di indipendenza, ma poi attorno a loro il mondo è cambiato, e ...