Faccetta nera: L'illusione coloniale italiana

Compra su Amazon

Faccetta nera: L'illusione coloniale italiana
Autore
Arrigo Petacco
Editore
UTET
Pubblicazione
08/05/2018
Valutazione
(1)
Categorie
«Se per il resto del mondo l’Abissinia era soltanto una curiosità enigmistica», scrive Arrigo Petacco, «per gli italiani aveva una collocazione di rilievo nell’immaginario collettivo. Tutti sapevano come e dove trovarla sulla carta geografica, e bastava nominarla per evocare luoghi fiabeschi, sentimenti intrisi di malinconia e desideri inespressi.» Anche per questo motivo, nei primi mesi del 1935, moltissimi giovani accolsero con entusiasmo la mobilitazione delle nostre forze armate per la guerra contro l’ultimo stato africano indipendente, che nessuno chiamava ancora Etiopia: in 50000 si arruolarono volontari. I nomi esotici di Asmara, Macallé, Addis Abeba promettevano un futuro avventuroso, e la radio, i giornali, i cinema, perfino i pacchetti di sigarette traboccavano di messaggi di propaganda. Faccetta nera, canzone popolare divenuta involontariamente inno di regime, è la colonna sonora di un’epoca: una marcetta che canta il colonialismo come liberazione di popoli schiavi e allude all’unione tra italiani e abissine, in un misto di goliardia e ingenuo paternalismo che ben presto lasciò il posto al razzismo scientifico e alla brutalità della guerra. Eppure, la storia dell’illusione coloniale italiana non coincide e non comincia con il fascismo: matura molto prima, nei progetti della neonata Italia unita, che rivendica il suo «posto al sole» al pari delle altre nazioni europee. È una storia contraddittoria e ricca di suggestioni. Petacco ce la racconta per intero, dalle prime manovre strategiche negli anni ottanta dell’Ottocento alla resa finale di Amedeo d’Aosta nel novembre 1941. Nel suo racconto ritroviamo gli episodi e i personaggi cruciali: l’incidente di Dogali e la disfatta di Adua; il negus vincitore, Menelik, e lo sconfitto Hailé Selassié; i viceré Badoglio e Graziani. Respiriamo l’atmosfera dei luoghi, tra le rocce dell’Amba Alagi e le sabbie dell’Amba Aradam; vediamo sfilare gli ascari e i dubat cammellati, con i loro turbanti bianchi; sentiamo il ronzio dei cacciabombardieri. Ma soprattutto, grazie all’equilibrio e al garbo narrativo di un maestro della divulgazione storica, abbiamo modo di capire meglio ambizioni e speranze di quegli italiani, di ogni provenienza o estrazione sociale, che misero le proprie vite al servizio del nostro effimero sogno coloniale, l’Africa orientale italiana, l’impero più breve di sempre.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Mangialibri

Faccetta neraMangialibri

Estate 1935. L’Etiopia o Abissinia – vasta sei volte l’Italia, arida e povera nel bassopiano ma ricca di foreste e pianure sugli immensi, fertili altipiani che superano anche i 3000 metri di quota – è l’unico regno africano indipendente, l’unico scampato alla colonizzazione europea, l’unico che ha sconfitto militarmente un esercito europeo (quello italiano, nel 1896 ad Adua), Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per rispondere.

Altri libri di Arrigo Petacco

La guerra dei mille anni: Dieci secoli di conflitto fra Oriente e Occidente

La guerra dei mille anni: Dieci secoli di conflitto fra Oriente e Occidente di

Nell’ottobre dell’801, nella piccola località di Porto Venere attraccarono alcune navi su cui torreggiavano le insegne del califfo: lo sfavillante corteo dell’ambasciatore Ibrahim ibn al-Aghlabn era diretto ad Aquisgrana, carico di doni per l’imperatore Carlo Magno, incluso un maestoso elefante albino che seminò il panico tra gli abitanti del minuscolo borgo. Si trattava della degna risposta a ...

L'archivio segreto di Mussolini

L'archivio segreto di Mussolini di

I carteggi personali, i dossier dell’OVRA, i ricatti, le richieste di favori, le intercettazioni, i documenti riservati: un’indagine avvincente nell’archivio personale di Benito Mussolini.Dongo, 27 aprile 1945: il partigiano Pedro sequestra una borsa di cuoio rossiccio dalle mani di Benito Mussolini, che l’ha custodita gelosamente fin dall’inizio della fuga. Il Duce lo mette in guardia: «Fate a...

Eva e Claretta: Le amanti del diavolo (Le scie)

Eva e Claretta: Le amanti del diavolo (Le scie) di

Un identico crudele destino ha segnato la vita delle amanti segrete di Benito Mussolini e Adolf Hitler. Claretta Petacci e Eva Braun nacquero lo stesso mese e lo stesso anno, a distanza di pochi giorni, nel febbraio 1912, e nello stesso mese e nello stesso anno, a distanza di pochi giorni (il 28 e il 30 aprile 1945), scelsero di morire accanto ai loro uomini, all¿età di trentatré anni. Ma aldil...

Regina (Oscar storia Vol. 176)

Regina (Oscar storia Vol. 176) di

La vita, il matrimonio, i rapporti umani e politici di Maria Josè, figlia dei reali del Belgio e moglie di Umberto di Savoia, l'ultimo sovrano d'Italia. Un personaggio tuttora discusso, che ebbe un ruolo rilevante per le sorti del nostro paese, nell'accurata ricostruzione biografica di profondo conoscitore dell'Italia del Ventennio.

L'uomo della provvidenza

L'uomo della provvidenza di

Rivoluzionario, socialista, pacifista, interventista, nazionalista, repubblicano, monarchico e poi, per vent’anni, capo del fascismo e dittatore. Secondo Arrigo Petacco, Mussolini «si distingue da Lenin, da Hitler e dagli altri dittatori del suo tempo per una funambolica capacità di trasformarsi. Quelli conquistarono il potere fidando su incrollabili certezze e schemi prestabiliti, lui mutando ...

Ammazzate quel fascista! (Oscar storia Vol. 333)

Ammazzate quel fascista! (Oscar storia Vol. 333) di

Arrigo Petacco ricostruisce la biografia tumultuosa e avvincente di Ettore Muti, un fascista anomalo eppur popolarissimo. Il camerata spavaldo, violento, coraggioso, amante rapace, fu ucciso nella pineta di Fregene il 24 agosto 1945.