Manuale di Sopravvivenza del Pendolare (Umorismo)

Un manuale di vita, una lettera rivolta ai compagni di viaggio, a tratti un affilato monologo di cabaret, questo libro nasce dall’esperienza del pendolarismo e dalla sua inestinguibile tendenza a risucchiare come un buco nero le vite dei pendolari in una frustrante monotonia, scandita con cinismo dal dondolare tra un luogo e un altro; sempre in viaggio, ma pervasi dalla sensazione di non arrivare da nessuna parte.
Se agli albori del XX secolo le parole sulla bocca di tutti erano: ”ferrovie dello stato”, ai nostri giorni si parla più che altro dello “stato delle ferrovie”. Che si tratti di un lavoratore, uno studente, o qualsiasi altra figura itinerante, stress, frustrazione e pulci restano gli inseparabili compagni di viaggio di ogni vero pendolare. A ciò non si può sfuggire, specialmente a tutto ciò non ci si abitua; quello che ci è dato di fare è preparare il corpo, aguzzare l’ingegno, temprare lo spirito, ma soprattutto, quello che ci è dato di fare prima di partire è il biglietto.
Mentre tutti gli altri in treno leggevano il proprio libro, io scrivevo il mio. Su queste pagine inizia un viaggio attraverso i variopinti paesaggi dell’anima. Se da un lato per il lettore sarà facile identificarsi nelle situazioni dipinte, tra ritardi, guasti e vicissitudini che tutti i veri pendolari hanno sperimentato almeno una volta, dall’altro si sorprenderà scoprendo attraverso quali imprevedibili percorsi si possa raggiungere la meta di una maggiore serenità interiore.
Il viaggio ha inizio sui treni della fantomatica compagnia TreniNordItaliaDelloStato, sui quali i pendolari diretti alla metropoli milanese si trovano a viaggiare, ciascun convoglio caratterizzato da una sua peculiare inettitudine. Che accanto al nostro binario stia ad attenderci il “treno dolce forno” oppure un modernissimo “treno Enterprise”, attraversato da fresche brezze di aria condizionata, è una questione di pura fortuna. Affronteremo le famigerate 12 fatiche del pendolare tra bigliettai psicopatici, controllori che si credono sceriffi nel Far West, passeggeri maleducati, suonerie insopportabili, condizioni di viaggio inquietanti e paradossi spazio-temporali che incrinano i fondamenti della fisica moderna. Basta il quotidiano ritardo e la stazione assonnata si trasforma in una scena apocalittica, ogni vagone in un vero e proprio girone dantesco.
Sarà il nostro animale guida a tirarci fuori dai guai, dando una sfumatura mistica al viaggio e deviando il treno verso la scoperta di traguardi interiori, dritto a un livello di esistenza superiore. Improvvisamente, i murales, che sfilano avidi di attenzione fuori dei vetri, assumeranno significati originali, tanto inattesi quanto profondi e tutto intorno apparirà sotto una nuova luce.
Il viaggio proseguirà nella consapevolezza che, per quanto la nostra giornata da pendolari possa risultare difficile ed insidiosa, non dovremmo mai esagerare nel lamentarci e nell’ingigantire la drammaticità degli eventi e il peso che questi possono avere sulla nostra serenità. Da questa nuova prospettiva, un viaggio in treno, nonostante sia lo stesso identico itinerario di ogni giorno, può rivelare il nostro stesso destino, dandoci il tempo di riflettere sulla nostra esistenza.
Non è nelle ambizioni dell’autore, né nelle mie capacità, redimere le esistenze atrofizzate di quei pendolari che si lasciano logorare da una monotonia spezzata solo da nuove avversità. Si desidera però condividere le esperienze vissute nel corso di quel viaggio, erroneamente considerato dai molti una pura perdita di tempo, approfittando dell’occasione per promuovere e divulgare un peculiare decalogo del pendolare.
Come non citare infine almeno qualcuna delle innumerevoli comparse che ci accompagneranno in questo viaggio letterario: il mago Giucas, il gattino Virgola con la sua armoniosa voce, Pulce e i writer dell’hinterland, il tacchino induttivista, la dolce Marta Sisposti, la macchinetta automatica, i piccioncini e, non ultimo, l’immancabile controllore.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo