Auciello Grifone: Partitura per orchestra, 3 voci e voce recitante

Auciello Grifone
Partitura per orchestra, 3 voci e voce recitante
(2009)
Include anche le parti separate di ogni singolo strumento, ovvero:
Ottavino
2 Flauti traversi
Flicorno in Sib
Clarinetto in Do
Clarinetto in Sib
Corno
Glockenspiel
Fisarmonica
Mandolino
Chitarra
Contrabbasso
Tamburello
Rullante
Timpano (floor tom)
Gong
3 voci femminili
Voce recitante

Il testo recitato è derivato dalle versioni sessane, avellinesi e pomiglianesi della omonima favola tradizionale, e liberamente adattato alle esigenze del brano musicale.
La composizione musicale è originale. Il tema cantato è tradizionale, ben conosciuto in molti paesi campani e talvolta ancora usato come nenia per addormentare i bambini.

La favola
Ce steva 'na vota 'nu Rre, che teneva tre figli. Un giorno questo re si ammalò, e siccome nessun medico riusciva a guarirlo, consultò uno stregone che gli disse “pe te sanà nce vo 'na penna, na penna de l'auciello grifone, che sta dinto ‘o deserto”. Il re chiamò i tre figli, e disse loro: “Figli miei, io sono malato. Pe' me sanà nce vo' 'na penna, ‘na piuma de l'auciello grifone; a chi ‘e vuje mm''a porta, io gli do tutto: il trono e la corona”.
Allettati dalla promessa i tre figli si misero in cammino e a metà strada presero vie diverse. ‘O cchiù piccerillo incuntraje nu viecchio, che l’aiutò a trovare la penna. Quando tutto contento prese la via del ritorno incontrò i fratelli: e questi, per l’invidia che il fratello minore si prendesse il trono e la corona, gli levarono la penna, l’acceretteno e ‘o jettajeno int’a nu fuosso sotto un albero.

Papà, Papà, Papà,
tieneme astritto nun me lassà,
pe' 'na penna d'auciello grifone,
fratemo è stato 'nu traditore,
e m'ha 'cciso e m'ha scannato
e dint'a 'nu bosco m'ha sutterrato!

Tornati a casa i fratelli diedero la piuma al padre. Questo, tutto contento, diede al primo figlio il trono e la corona. Ma pure doppo tant’anni ‘o Re steva 'mpenziero pecchè l'urdimo figlio ancora nu' venéva.

Mammà, Mammà, Mammà,
tieneme astritto nun me lassà,
fratemo è stato 'nu traditore,
e m'ha 'cciso e m'ha scannato
e dint'a 'nu bosco m'ha sutterrato!

Dopo qualche anno il cane di un pastore che razzolava in un prato, annusando e scavando, (sniff sniff sniff), trovaje n’uosso sott’all’arbero. Il pastore se ne costruì un bel flauto. Ma quando provò a suonarlo ne uscì una musica, una voce che cantava:

Sosò, sosò, sosò,
Ca staie assisa ncopp’o cummò
fratemo è stato 'nu traditore,
e m'ha 'cciso e m'ha scannato
e dint'a 'nu bosco m'ha sutterrato!

Il pastorello, carico ‘ meraviglia, currette a palazzo reale, e si mise a suonare. “Ma chesta è ‘a voce e figliemo!” ricette o rre, “Presto, fatelo salire! E chiamate i fratelli pecchè loro stessi anna sunà, anna sentì a voce d’o frate”. ‘E frate tremmavano, e l’uosso alluccaje :

Frate 'nfame che 'mmano me tiene,
tieneme astritto nun me lassà,
pe' 'na penna d'auciello grifone,
tu si stato 'nu traditore,
E m'he acciso e m'he scannato,
dint'a nu fuosso m'he menato.

A sentire queste parole il Re adottò il pastorello per figlio suo, e diede a lui il trono e la corona. Ma ai fratelli traditori li fece ardere in una botte di pece, e ‘i facette menà a mare.

Prima esecuzione: Stagione Borgiana, 2 Luglio 2009, Forte dei Borgia, Nepi (VT). Orchestra Popolare Casertana diretta da Emilio Di Donato

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Emilio Di Donato

Harvest: Original Guitar Compositions

Harvest: Original Guitar Compositions di

Twelve original compositions for Classical Guitar. The book contains the original scores plus many photos and detailed explanation about the music.Italian:Questo volume è una “raccolta” di brani musicali nati e sviluppati nel corso di molti anni. Il titolo “Harvest” indica l’atto del raccogliere, di mietere ciò che si è seminato e coltivato. Spero che questi brani possano essere di qualche comp...