Cronache indiane: Storie, incontri, interviste

L'Occidente si trova da sempre in difficoltà quando cerca di leggere e decifrare la relatà dell'India. Per secoli, l'approccio orientalista ha posto esclusivamente l'accento sulla sua spiritualità e sulla sua cultura millenaria. Oggi la si analizza prendendo in considerazione il solo tasso di crescita del suo prodotto interno lordo. Entrambe le letture sono parziali e distorte.
Per cercare di capire questo grande e complesso Paese, Carlo Buldrini vi ha trascorso metà della vita e ha scritto le «cronache indiane» raccolte nel presente volume che riprende e amplia il precedente Nel segno di Kali.
Dall'incontro con Indira Gandhi a quello con Krishnamurti, dall'assassinio di Rajiv Gandhi agli scontri sanguinari tra hindu e musulmani, dalla vita nei poveri villaggi rurali alle architetture avveniristiche della Electronic City di Bangalore, la Silicon Valley indiana, l'affresco che, pagina dopo pagina, l'autore viene delineando è duro, violento, fitto di contrasti, e confuta lo stereotipo secondo il quale l'India sarebbe avviata a diventare una superpotenza nel segno delle tecnologie avanzate.
Le contraddizioni irrisolte della società indiana e l'ascesa al potere del nazionalismo hindu di Narendra Modi proiettano su ciò che verrà un'ombra lunga e minacciosa.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Carlo Buldrini

Lontano dal Tibet: Storie da una nazione in esilio

Lontano dal Tibet: Storie da una nazione in esilio di

Il 7 ottobre 1950, 40.000 uomini dell’Esercito Popolare di Liberazione cinese attaccano da otto direzioni diverse la città di Chamdo, nel Tibet orientale. Il piccolo esercito del Paese delle Nevi (8000 unità) viene sbaragliato. È l’inizio dell’occupazione militare del Tibet da parte della Repubblica Popolare Cinese che dura tutt’ora. Dopo la fallita insurrezione di Lhasa (marzo 1959), il Dalai ...