Piccola Pelosa Persiana: Piccola Pelosa Persiana

“L’iran è conosciuto come uno dei paesi più tristi del mondo, ho cercato di far vedere un lato diverso del mio paese raccontandovi le storie divertenti.
perché anche in Medio Oriente accadono storie spassose e queste sono le storie di una piccola ragazza pelosa persiana”
Mi chiamo Helena, un nome non particolarmente iraniano, anzi mia mamma ha pagato una tangente in tribunale perché io e le mie sorelle avessimo nomi greci e non i soliti Fatima, Zahra, e visto che era già lì che pagava, ha avuto anche la bella idea di cambiare la mia data di nascita, cosi potevo andare a scuola prima del previsto.
Quando sono nata ero cosi pelosa che l’infermiera non sapeva se fossi una femmina o un maschiaccio .
Direi che se calcolassi tutto il tempo che ho passato a togliere questi peli con le cerette invece di studiare, ora il mondo avrebbe un’altra Marie Curie!
La sfiga poi è che tutta la mia famiglia è bionda, con la pelle bianca e gli occhi azzurri (mia nonna veniva dall'Azerbaijan) ed essere biondi in Iran è molto apprezzato, infatti ho due sorelle bionde e quando eravamo piccole guardavano mia sorella bella con la chioma bionda e occhi azzurri e poi me, la piccola pelosa con i capelli neri e un dito del naso, pronta ad assaggiare il contenuto!
Dopo la guerra, la vita doveva comunque ricominciare e mia mamma ci teneva che noi ci vestissimo all’occidentale e quindi qualche furbo ha capito che poteva nascere un business.
In città è nato un mercato nuovo chiamato TANAKORA (non ho una pallida idea di quale sia la ragione per cui il mercato dei vestiti seconda mano venuti da europa avesse un nome giapponese)
Dovete sapere che in Iran la parte di spiaggia riservata alle donne è divisa dal resto con un enorme velo che divide la spiaggia fino al mare inoltrato e neanche le spie della CIA riescono a guardare oltre quel velo.
Non è stato solo Mosè che ha diviso le acque in due, ma anche la polizia morale iraniana ! così noi abbiamo salutato mio padre che da solo è andato nel reparto maschile.
Arrivati lì, avevamo sentito che abbronzarsi ti fa più bella, ma la cosa che non ci avevano detto era che loro mettevano delle creme anti scottature.Tornati dal mare con scottature sull'80 % del corpo, per la prima volta ero però felice di non avere la pelle bianca come mia bella sorella!
Povera lei invece, tutta bianca, era diventata rossa sul viso e sulla schiena Arrivati all’ingresso delle terme, come al solito mio padre ci ha salutati davanti alla porta e se ne è andato nel reparto uomini, e siamo rimasti io, mia mamma e mia sorella che non era più cosi bella ora , viste le bruciature sulla sua pelle .
Ci avevano poi detto di fare le terme calde dopo il mare perché le terme fanno molto bene alla salute mentale.
Entrando c'erano due piscine: una dove c’era solo una donna dentro che nuotava e vedevo le bolle d’acqua bollente.
Nell’altra piscina c’erano invece più gente che sembravano malate.
Ho visto subito una signora anziana calva e magra e con solo due trecce di capelli.
Aveva le due trecce che scendevano sulle sue spalle, era seduta e pettinava quello che era rimasta dalla sua capigliatura e si puliva dappertutto ma davvero dappertutto con il sapone che poi si sciacquava dentro l’acqua, dove nuotava la gente.
Un’immagine indimenticabile

Nel 1990 ci sono stati mondiali in Italia e la finale è stata trasmessa in TV.
La partita era tra Italia e Germania Ovest, e nella squadra italiana giocava il mitico PAOLO MALDINI!
Quella sera la partita di calcio salvò tanta gente, perché ci fu proprio quella notte un grande terremoto in una città sul mar Caspio e la gente fortunatamente era sveglia a vedere la partite e così molti si sono salvati.
Per un bel po’ di tempo mia sorella ha cominciato a fare collezione delle foto di Maldini.
L’altro giorno stavo uscendo da un famoso bar a Milano e vedo di fianco a me che c’è proprio MALDINI!
Sono rimasta per un attimo ferma e poi me ne sono andata sorridendo.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo