Fedra - Ocna

Fedra e Ocna, due giovani donne, due vite infrante per due amori impossibili. L'ambientazione di Fedra è nel passato, quella di Ocna si svolge nel presente, ma mantenendo i nomi originali dei protagonisti. Il passato e il presente per due tragedie che traggono spunto dai miti greci, da quel mondo antico culla del teatro universale. Fedra ama Ippolito, il suo figliastro, Ocna si è perdutamente innamorata di Eunosto, un amico di suo fratello. Entrambe soffrono per un amore che non corrisposto porterà le protagoniste a togliersi la vita. Con un linguaggio semplice e scorrevole le tragedie elaborano i temi dell'amore, del dolore e della morte scavando nei meandri dell'animo umano.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Egidio Capodiferro

Soliloquio di un folle

Soliloquio di un folle 1 di

Il Signor Ermenegildo Sette, ricoverato in una clinica per malati mentali, trascorre molte ore del giorno a parlare da solo. Entro i limiti che gli sono assegnati dall'uomo, dalle pastiglie e dal destino, racconta in una stanza isolata di cose accadutegli molto tempo prima nella sua vita cosiddetta "normale", quando ancora era in pieno possesso delle sue facoltà. In questo resoconto, esilarante...

Una stagione turbolenta prima del nulla

Una stagione turbolenta prima del nulla di

Il giovane Teodolindo va a studiare all’università. Qui incontra Sofia e i due si fidanzano, ma la lascia dopo aver conosciuto Patrizia. I due fuggono da una zia di lei che li ospita e trova un lavoro al giovane. Dopo qualche mese Patrizia perde il bambino, Teo non la rivedrà mai più. Per dimenticare tutto, il giovane va in un’altra città e invano cerca un lavoro, infine a corto di mezzi si fa ...