Auschwitz “…la libertà ha il sapore di un’albicocca secca”

Cosa sappiamo di Auschwitz noi che siamo venuti dopo? Cosa pensiamo noi a riguardo? Riusciamo ad avere un'idea, una dimensione di tutto ciò che è accaduto rifacendoci solo alla storia o possiamo metterci del nostro per capire e cercare di spiegare alle nostre generazioni, cosa sentiamo di provare verso una delle pagine di vita più dolorose, che ci ha presentato un conto così salato? Riusciamo a spiegarci o meglio a trovare una ragione per la quale, tutto quanto ci è stato raccontato o documentato, è stato commesso da persone che, senza ombra di smentita, non avevano nulla di umano?

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Carlo Mia

Il cowboy e l'indiano... 50 di Toro e non solo, un racconto vissuto di un amore infinito

Il cowboy e l'indiano... 50 di Toro e non solo, un racconto vissuto di un amore infinito di

L'autore narra episodi della sua vita, relativamente ai fatti accaduti è vissuti nei suoi ricordi di 50 anni, da bambino ad oggi, riguardanti la sua squadra del cuore, con divagazioni sul tema inerenti a proprie esperienze sportive, con menzioni a quelle significative accadute negli anni in cui i fatti vengono raccontati, dando una connotazione romantica al racconto.

Noi e Spillo

Noi e Spillo di

Come cambia la vita di una famiglia, quando arriva un cucciolo di yorkshire, con un musetto che sprizza simpatia e due occhietti furbi ed accattivanti? E' la storia di Spillo, 18 anni vissuti insieme, densa di episodi che non si potranno mai dimenticare.