Il fantasma che guida: ovvero lo spettro autistico

Una storia che vuole essere una piccola e breve testimonianza delle difficoltà quotidiane che una famiglia incontra nella gestione del proprio figlio con spettro autistico. Ma anche una storia che è il racconto romanzato, delle avventure buffe e sconclusionate di quel bambino, Miki, delle sue difficoltà, della sua tristezza, della sua rabbia, della sua generosità. E infine una storia che vuole evidenziare alcune dinamiche che finiscono per stritolare sotto il peso delle incomprensioni e dei pregiudizi quei genitori che loro malgrado si trovano a dover affrontare e gestire un simile problema. Nessuno sceglie di avere un “fantasma che guida” per casa, ma una volta che questa situazione si verifica, le successive azioni e scelte determineranno il futuro e la qualità della vita del bambino. Per questo i genitori, le famiglie, meriterebbero di trovare all’interno della società civile altra accoglienza, altro rispetto, altro spazio da quello che comunemente viene riservato loro.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Alberico Mattiacci

E la pace portò via la guerra

E la pace portò via la guerra di Alberico Mattiacci

Finita la scuola Bianca e Benedetta si trasferiscono, assieme alla loro mamma come ogni anno, nella casa di campagna del nonno che si trova in un paesino lungo la ferrovia. Qui trascorrono una parte delle loro vacanze, entusiaste di ascoltare le storie di guerra che il nonno legge da un vecchio quaderno che ha ricevuto direttamente dalle mani della protagonista: una bambina di nome Fizzetta. ...

Le Storie del Repository

Le Storie del Repository di Alberico Mattiacci

AlMa, l’anima del protagonista, confinata in un repository, comincia a produrre file e ad organizzarli. Il primo file racconta di un Residence, una sorta di El Dorado nascosto tra le montagne e popolato da personaggi buffi, a volte grotteschi, fedeli alle abitudini e ai costumi del loro tempo; siamo agli inizi degli anni ‘70. L’incontro con queste figure consentirà al protagonista di maturare...