Lazarillo de Tormes: La vita e le avventure di Lazarillo de Tormes

Un romanzo originale che è considerato il capostipite dei romanzi picareschi, scritto a metà ‘500 da autore ignoto, che racconta le avventure di un ragazzo che, dopo la morte del padre, viene posto dalla madre al servizio di un cieco, il quale insegnerà al fanciullo, a sue spese, quanta malizia è necessaria per sopravvivere. Lazarillo passerà al servizio di altri padroni e avrà modo di osservare i vizi e le (poche) virtù dei vari personaggi, appartenenti alle diverse classi sociali. Lo scenario che fa da sfondo al romanzo è la Spagna assolata e in crisi del XVI secolo. La lettura è piacevolissima grazie allo stile sobrio dell’autore e al suo sottile umorismo, che a volte diventa sarcasmo.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Anna Morena Mozzillo

Briganti, arrendetevi!...: Ricordi di un antico bersagliere

Briganti, arrendetevi!...: Ricordi di un antico bersagliere di

Storia di briganti, tutta umana, di avvincente e drammatica concretezza quella che si offre al lettore nelle pagine di questo memoriale, pubblicato in forma anonima a Torino nel 1897. Un racconto dal taglio narrativo rapido ed essenziale che corre lungo il filo della memoria a ricostruire avvenimenti, anche più minuti, e strategie militari; a descrivere ambienti e personaggi visti e conosciuti ...

Lukà Mudìščev: Versi non per signore

Lukà Mudìščev: Versi non per signore di

Spassoso poemetto scurrile in quartine a rima baciata opera di anonimo, Lukà Mudiṥčev è uno dei più famosi testi della letteratura licenziosa russa, che narra di un'insaziabile vedovella alla ricerca di forti godimenti: una mezzana le trova il superdotato Lukà che vanta un membro imponente, "fiero retaggio di famiglia", ma la storia finisce tragicamente. Se ne conoscono varie versioni in russo,...

Mastro Titta, il boia di Roma: Memorie di un carnefice scritte da lui stesso

Mastro Titta, il boia di Roma: Memorie di un carnefice scritte da lui stesso di

Giovanni Battista Bugatti, detto Mastro Titta (Senigallia, 6 marzo 1779 – Roma, 18 giugno 1869) e noto anche in romanesco come "er boja de Roma", fu un celebre esecutore di sentenze capitali dello Stato Pontificio. Nel 1891 viene pubblicata "Mastro Titta, il boia di Roma: memorie di un carnefice scritte da lui stesso", una falsa autobiografia di Mastro Titta che prende spunto dal taccuino di ap...

I fioretti di san Francesco

I fioretti di san Francesco di

I fioretti di san Francesco sono un'esemplare raccolta di miracoli ed esempi devoti concernenti la vita del famoso santo. L'opera, scritta tra il 1322 e il 1328, probabilmente è frutto dell'ingegno del frate e cronista Ugolino Brunforte (Sarnano, 1262 circa – 1348 circa). Al centro del testo c'è ovviamente l'esempio dato dal santo di Assisi che diventa concretizzazione in terra di umiltà, carit...

Compendio della vita del famoso Tiziano Vecellio di Cadore Cavaliere e Pittore, con l'Arbore della sua vera consanguinità.

Compendio della vita del famoso Tiziano Vecellio di Cadore Cavaliere e Pittore, con l'Arbore della sua vera consanguinità. di

Nel 1809, in occasione delle nozze Da Mula-Lavagnoli, Francesco Accordini ripubblica la vita di Tiziano Vecellio di autore anonimo, pubblicata dall'omonimo parente nel 1622.Qui l'opera viene presentata in forma di ebook testuale, con possibilità di utilizzare anche strumenti di sintesi vocale.

La passione di Mademoiselle S. - Lettere d'amore: Lettere d'amore 1928-1930

La passione di Mademoiselle S. - Lettere d'amore: Lettere d'amore 1928-1930 di

Mentre aiuta un amico a sistemare un appartamento a Parigi, il diplomatico Jean-Yves Berthault si imbatte in un plico di lettere scritte a mano. Dopo aver letto la prima, Berthault realizza di avere tra le mani una corrispondenza straordinaria: un’appassionata storia d’amore epistolare, e non solo, che rimanda ai classici della letteratura erotica francese, come Historie d’O e Il Delta di Vener...