Storia della matita

Un diario, un taccuino di lavoro, un romanzo totale in cui ogni frammento di vita è raccolto e restituito alla parola. Una miniera smagliante, dove può essere trovato di tutto: visioni, riflessioni sullo scrivere, aforismi, disarmanti confessioni, romanzi di una frase, esercizi di parodia. Gli abbandoni fantastici si alternano a nitide descrizioni della natura, le severe autoanalisi si affiancano a momenti di intensa felicità, la paura della solitudine si mescola all’orgoglio della solitudine (dello scrittore). Una sottile e resistente linea tematica corre ininterrotta per tutto il libro di Peter Handke, saldando tutte le sue parti: è il processo per cui la vita si trasforma in arte, per cui l’arte tutto succhia ed usa della vita. Lo scrittore, gettando nella pagina i frammenti di un’autobiografia interiore, racconta in realtà la vita mentre si fa rappresentazione, descrive l’impresa «epica» dell’artista. E il lettore, entrando nel laboratorio dello scrittore (di uno dei maggiori scrittori contemporanei), si trova a leggere il romanzo di come lo scrittore giunge a realizzarsi. Libro che racchiude tutti gli altri libri, La storia della matita svela così anche una propria individualità, si afferma come libro diverso da tutti gli altri. 

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Peter Handke

Pomeriggio di uno scrittore

Pomeriggio di uno scrittore 1 di

«Quando uno scrittore sa raccontare con tanta grazia, il lettore non può fare a meno di credergli.»Frankfurter Allgemeine Zeitung«Il suo sguardo ha il potere di incantare.»Die WeltUno scrittore, reduce da un periodo di crisi, s’incammina per la città dopo un pomeriggio di lavoro. Attraversa strade e piazze, giunge alla periferia e rientra a casa quando l’oscurità è già calata. Che accada poco, ...

Saggio sul cercatore di funghi

Saggio sul cercatore di funghi 1 di

Un amico d’infanzia, compagno di giochi dei tempi trascorsi in un villaggio della Carinzia al confine con la Slovenia, è l’eroe tragico dell’ultimo Versuch di Peter Handke: un «saggio» inteso come esperimento, ricerca, tentativo. L’amico cercatore di funghi diviene, nella vita adulta, avvocato di grido, impegnato nei tribunali internazionali a difendere i criminali di guerra. La frequentazione ...

L'ambulante

L'ambulante di

«Uno dei maestri indiscussi della letteratura in lingua tedesca.»Library JournalUn giallo che svela i meccanismi del giallo. Ognuna delle dodici parti in cui è diviso L’ambulante è organizzata in due momenti: a un preambolo che espone le regole e le possibili varianti del genere, fa seguito la narrazione vera e propria del fatto delittuoso. L’ambulante, testimone di un primo e di un secondo omi...

Il grande evento

Il grande evento di

L'OPERA PIÙ MATURA DI UN MAESTRO DELLA LETTERATURA EUROPEA«Il grande evento richiama il viaggio iniziatico e il vagabondaggio romantico... Il racconto vibra di risonanze misteriose e presta un'aura luminosa agli avvenimenti.»Le Temps«Handke scrive qui in modo molto semplice, usa frasi scarne e belle. Ricorda molto i suoi esordi, in un libro di grande effetto. È un invito a seguirlo sullo sparti...

Prima del calcio di rigore

Prima del calcio di rigore di

«Senza dubbio il miglior libro in lingua tedesca pubblicato dopo Perturbamento di Thomas Bernhard.»Neues Forum«Questo è uno dei romanzi più inquietanti scritti in tedesco da lungo tempo.»Frankfurter Allgemeine ZeitungLicenziato improvvisamente dal lavoro in cantiere, l’ex portiere di calcio Josef Bloch inizia a vagare per le strade di Vienna, va al mercato, al cinema, allo stadio, poi cerca una...

La donna mancina

La donna mancina di

«Una vita pura, essenziale, che brilla nei dettagli minimi.»Claudio Magris«In questa storia c’è tutto Peter Handke, con la sua particolare, originale visione del mondo che implica necessariamente la provocazione, anche quando è sotterranea ed emerge solo a tratti. Qui è una donna a fare questa scelta coraggiosa e dolorosa, ad andare alla scoperta di se stessa.»la RepubblicaOgni notte, nel salot...