La grande cecità: Il cambiamento climatico e l'impensabile

Compra su Amazon

La grande cecità: Il cambiamento climatico e l'impensabile
Autore
Amitav Ghosh
Editore
Neri Pozza
Pubblicazione
24/04/2017
Valutazione
1
Categorie
Nei primi anni del XXI secolo Amitav Ghosh lavorava alla stesura de Il paese delle maree, il romanzo che si svolge nelle Sundarban, limmenso arcipelago di isole che si stende fra il mare e le pianure del Bengala. Occupandosi della grande foresta di mangrovie che le ricopre, Ghosh scoprì che i mutamenti geologici che ciclicamente vi avvenivano un argine poteva sparire nellarco di una notte, trascinando con sé case e persone stavano diventando qualcosaltro: un cambiamento irreversibile, il segno di un inarrestabile ritrarsi delle linee costiere e di una continua infiltrazione di acque saline su terre coltivate.
Che unintera area sotto il livello del mare come le Sundarban possa essere letteralmente cancellata dalla faccia della ter-ra non è cosa da poco. Mostra che limpatto accelerato del surriscaldamento globale è giunto ormai a minacciare lesistenza stessa di numerose zone costiere della terra.
La domanda, per Ghosh, nacque perciò spontanea. Come reagisce la cultura e, in modo particolare, la letteratura dinanzi a questo stato di cose? La risposta è contenuta in questo libro in cui lautore della trilogia della «Ibis» ritorna con efficacia alla scrittura saggistica.
La cultura è, per Ghosh, strettamente connessa con il mondo della produzione di merci. Ne induce i desideri, producendo limmaginario che laccompagna. Una veloce decappottabile un prodotto per eccellenza delleconomia basata sui combustibili fossili non ci attrae perché ne conosciamo minuziosamente la tecnologia, ma perché evoca limmagine di una strada che guizza in un paesaggio incontaminato; pensiamo alla libertà e al vento nei capelli; a James Dean e Peter Fonda che sfrecciano verso lorizzonte; a Jack Kerouac e a Vladimir Nabokov. Questa cultura, così intimamente legata alla storia del capitalismo, è stata capace di raccontare guerre e numerose crisi, ma rivela una singolare, irriducibile resistenza ad affrontare il cambiamento climatico.
Quando il tema del cambiamento climatico appare, infatti, in una qualche pubblicazione, si tratta quasi sempre di saggi-stica. La rara e fugace comparsa di questo argomento in narrativa è sufficiente a relegare un romanzo o un racconto nel campo della fantascienza.
Che cosa è in gioco in questa resistenza? Un fallimento immaginativo e culturale che sta al cuore della crisi climatica? Un occultamento della realtà nellarte e nella letteratura contemporanee tale che «questa nostra epoca, così fiera della pro-pria consapevolezza, verrà definita lepoca della Grande Cecità»?

«La leggerezza e lagilità della scrittura di Ghosh riescono a mantenere tutta lurgenza e le ombre di qualcosa che non riusciamo davvero a guardare: il destino dellumanità».
Giorgio Agamben

«Una riflessione acuta, provocatoria e originalissima dalla penna di uno dei più grandi scrittori indiani».
la Repubblica

«Sono rare le occasioni in cui uno scrittore sfoggia una comprensione così feroce e una capacità narrativa tanto brillante da trasformare un soggetto ben noto portandolo alla luce in questo modo».
Naomi Klein, autrice di No logo

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Mangialibri

La grande cecitàMangialibri

Un drastico cambiamento climatico è in atto. È il 17 marzo del 1978 e a New Delhi il tempo prende una strana piega, dato che in quel periodo il freddo invernale è già passato e si avvicina la calura estiva. Sulla città si abbatte un violento tornado che distrugge interamente la parte settentrionale, provocando trenta morti e oltre settecento feriti. Ad assistere all’evento c’è Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per commentare.

Altri libri di Amitav Ghosh

Lo schiavo del manoscritto

Lo schiavo del manoscritto di Amitav Ghosh Neri Pozza

Nell’estate del 1148 d.C. Khalaf ibn Ishaq, mercante in Palestina, scrive una lettera all’amico ebreo Abraham Ben Yijū, che viveva allora in una città di nome Mangalore, un porto sulla costa sudoccidentale dell’India. Era una stagione movimentata quella, in Palestina. In aprile era arrivata un’armata tedesca al comando dell’anziano re Corrado III di Hohenstaufen, noto agli arabi come Alamān. Al...

Il Palazzo degli specchi

Il Palazzo degli specchi di Amitav Ghosh Neri Pozza

Nel novembre del 1885, quando giunge a Mandalay, Rajkumar ha undici anni e lavora come aiutante e garzone su un sampan. Dopo aver risalito l’Irrawaddy dal golfo del Bengala, la sua barca si è dovuta fermare per riparazioni e il ragazzino indiano si è spinto per un paio di miglia nell’entroterra ed è arrivato nella capitale del regno di Birmania. Vi è arrivato nei giorni della fine del regno. La...

Le linee d'ombra

Le linee d'ombra di Amitav Ghosh Neri Pozza

A intervalli regolari di qualche mese, Tridib compare alla porta di casa dei suoi zii e cugini. Le gambe incrociate strette, la fronte coperta di sudore, dopo i necessari convenevoli imposti dall’etichetta, si precipita direttamente nella stanza da bagno, spinto dai capricci del suo apparato digerente, rovinato dai fiumi di tè nero ingollati nei chioschi ai margini delle strade di Calcutta. ...

Circostanze incendiarie

Circostanze incendiarie di Amitav Ghosh Neri Pozza

La schiera dei grandi narratori e scrittori che hanno fatto del reportage un’arte abbraccia, com’è noto, secoli di letteratura e ha prodotto non pochi spunti di eccellente teoria. Anton Cechov ci ha lasciato, ad esempio, un manuale del buon reporter che dovrebbe essere obbligatoriamente presente oggi nel bagaglio dei nostri distratti inviati di guerra. Tra i narratori e gli scrittori ...

Diluvio di fuoco

Diluvio di fuoco di Amitav Ghosh Neri Pozza

È il 1840 a Canton e l’opera del commissario Lin, inviato dall’Imperatore a porre fine al contrabbando dell’oppio per salvare le terre del Celeste Impero, ha già mutato il volto della città. Dell’antica Fanqui-town, l’enclave straniera, è rimasto poco o nulla. La factory britannica, un tempo l’edificio più affaccendato e grandioso dell’enclave, è chiusa e sbarrata, le verande deserte, le ...