Caterina cerca la banda [Libro per bambini e ragazzi sulla poesia della musica]

Caterina aveva provato tante volte a immaginarsela, la banda, quella di cui le raccontava sua nonna. Si metteva sulla soglia di casa e aspettava di sentire la musica prima lontana lontana, poi sempre più vicina... Ma non ci riusciva. Nei vicoli, in quelle stradine tristi, strette, sonnacchiose, non riusciva a immaginare altro che il silenzio, o al massimo qualche gocciolio, o un frettoloso scalpiccio di passi.
Erano tanti anni ormai, più di cinque, che la banda non veniva più nel suo paese, nessuno sapeva il perché.
Mancava la musica. Ma non la musica come presenza. Le mancava la musica come ricordo, la musica come memoria. Sua nonna la musica la ricordava, sapeva immaginarla, la portava dentro di sé. Lei covava nel suo cuore solo il maestoso silenzio dei monti.
Ed è così che Caterina, all’età di cinque anni e sette mesi, partì alla ricerca della banda.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Luigi Sgambati

Caro Babbo Natale, portati via Alessandro [Ebook di Natale per bambini e ragazzi, vietato agli adulti]

Caro Babbo Natale, portati via Alessandro [Ebook di Natale per bambini e ragazzi, vietato agli adulti] di

Era un Natale come tanti altri per Italo: Alessandro che lo sgrida sempre, il papà che lo difende, la mamma che cerca di far mangiare Margherita aspettando che si imbamboli davanti la televisione, la mamma e il papà che litigano... Fino a che Italo non chiese a Babbo Natale di portarsi via Alessandro.Una meravigliosa avventura alla ricerca della casa di Babbo Natale, raccontata in prima persona...

Una volta, tanto tempo fa [Ebook per bambini e ragazzi, e per gli adulti che non hanno mai tempo]

Una volta, tanto tempo fa [Ebook per bambini e ragazzi, e per gli adulti che non hanno mai tempo] di

Una volta, tanto tempo fa, c’era un uomo che NON AVEVA MAI TEMPO. Se qualche vecchio amico gli chiedeva di uscire a fare una passeggiata, rispondeva: “mi spiace, NON HO TEMPO, devo lavorare; sarà per un’altra volta”. Se la madre gli chiedeva di darle una mano a fare un lavoro in casa: “no mamma, NON HO TEMPO, lo sai che la domenica devo riposarmi!” Se per caso gli veniva voglia di vedere un fi...