Il caso Pantani: Doveva morire

Compra su Amazon

Il caso Pantani: Doveva morire
Autore
Luca Steffenoni
Editore
Chiarelettere
Pubblicazione
22/06/2017
Valutazione
1
Categorie
Gli ultimi giorni di Marco Pantani
Le inchieste sulla morte
Le clamorose rivelazioni di Vallanzasca
La camorra e le scommesse clandestine
Le ombre, i misteri
La verità indicibile dietro un suicidio troppo imperfetto
 
Giovanni Falcone disse: “Prima ti delegittimano, poi ti isolano e poi ti ammazzano”.
Ecco, forse anche con Pantani è andata così.
 
Una morte da rockstar e il caso è chiuso. Ma qui non siamo a Los Angeles, siamo nel paese dei misteri irrisolti, dei depistaggi e delle doppie verità. State per leggere un giallo scritto da un criminologo che in un crescendo di suspense e rivelazioni entra nella scena di un suicidio troppo imperfetto per essere vero.
Una storia che deve essere raccontata anche dopo che l’iter processuale ha detto la sua ultima parola. Una storia che ci porta dritti nel territorio di una verità indicibile e clamorosa. Marco Pantani era un fuoriclasse troppo irregolare. La squalifica che lasciò sgomenta l’Italia intera era in realtà una gigantesca truffa ai suoi danni. In un giro di scommesse clandestine la criminalità
organizzata aveva puntato cifre folli sulla sconfitta del Pirata. Gli elementi rilevanti per un criminologo fanno ritenere del tutto improbabile l’ipotesi del suicidio. Allora il caso non può essere chiuso.
L’autore chiede l’intervento della Commissione parlamentare antimafia, forse è l’unica strada per stabilire una verità che rischia ancora di far saltare troppi intoccabili. L’ultima strada per rendere giustizia a un uomo fragile e a un grande campione.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Mangialibri

Il caso PantaniMangialibri

Il 14 febbraio 2004, nel residence “Le Rose” di Rimini, muore Marco Pantani: per gli inquirenti si tratta di suicidio. L’ex campione del ciclismo, uno dei pochi ad aver vinto nello stesso anno Giro d’Italia e Tour de France, non era più lui da tempo, fra lo stigma del doping e le cattive frequentazioni che portavano con sé altri problemi più o meno legali, ma sicuramente Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per commentare.

Altri libri di Luca Steffenoni

I 50 delitti che hanno cambiato l'Italia (eNewton Saggistica)

I 50 delitti che hanno cambiato l'Italia (eNewton Saggistica) di

La storia dell’Italia è stata più volte segnata da delitti che non sono rimasti semplici fatti di cronaca ma hanno scosso tutta l’opinione pubblica e in alcuni casi hanno rappresentato svolte cruciali. Luca Steffenoni, esperto di criminologia, descrive un secolo e mezzo di delitti famosi, risolti, finiti in clamorosi errori giudiziari o tuttora avvolti nel mistero. Dal primo grande processo pen...

Presunto colpevole: Come l'allarme pedofilia si è trasformato in un business sulla pelle dei bambini

Presunto colpevole: Come l'allarme pedofilia si è trasformato in un business sulla pelle dei bambini di

"Io credo che prima di tutto sia bene non nuocere. È importante riconoscere i colpevoli ma prima vanno salvaguardati i bambini." Massimo Ammaniti, la Repubblica. Essere accusati ingiustamente. Può capitare a tutti. Difficile difendersi, quasi impossibile se il reato di cui si è accusati è quello più tremendo e infamante: abuso sessuale di adolescenti. L'emozione ci travolge quando si parla di...

Psyco Mappe (Adagio)

Psyco Mappe (Adagio) di

Come possono convivere gli sfortunati amori di Stendhal con il mostro di via Bagnera, le leggende sulla nascita di Milano con i sanbabilini che, nel 1975, assassinarono la povera Olga Julia Calzoni, Luciano Lutring detto il solista del mitra con la monaca di Monza? Si può raccontare la metropoli lombarda e le sue mille contraddizioni, seguendo il filo eclettico delle infinite vicende che si so...

Melania Rea (Adagio)

Melania Rea (Adagio) di

L’uomo che ha varcato la porta d’ingresso è giovane, alto, prestante, un fisico da sportivo o da militare come ce ne sono tanti in questa zona popolata di reclute e caserme. Chiede del bagno, si assenta per un po’, ordina un caffè, poi domanda ai presenti se hanno visto sua moglie, una donna giovane, di ventotto anni, bruna, che probabilmente doveva andare in bagno quasi mezz’ora prima. Nessun...