Il Montecristo comunista (Elit - Letteratura europea)

Luglio 1919. Sanyi, macellaio vegetariano e simpatizzante del Partito Comunista ungherese, parte per Vienna con una missione segreta. Nelle sue mani c’è il destino della rivoluzione proletaria: venti chili d’oro in una valigia di cartone. Ma proprio in quei giorni la Repubblica dei Consigli fallisce e Sanyi finisce nell’illegalità. Comincia così una vorticosa tragicommedia fatta di travestimenti e doppie identità. Sanyi riesce a costruirsi un’identità borghese e, in gran segreto, a partecipare all’attività clandestina di una cellula del movimento operaio. Nella girandola di regimi che si alternano in Ungheria, l’uomo rimane in qualche modo sempre a galla, fino al fatidico ottobre 1956 e alla repressione dell’insurrezione anti-sovietica da parte dell’esercito. Basata su un’elaborata ricerca storica, la satira di Noémi Szécsi – che parla il linguaggio demagogico del tempo – ribalta gli elementi del Montecristo francese: Sanyi non è il protagonista di una storia sulla vendetta, ma di un intelligente romanzo sulla stupidità del potere.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Mangialibri

Il Montecristo comunistaMangialibri

Sanyi lo grida, forte e chiaro: meglio nel braccio della morte che esposto alla furia creativa di due donne! Il suo cordoglio di comunista è continuamente disturbato, infatti, dalla stessa storia: comprare un terreno sul Naphegy vendendo la casa di Budafok ereditata dalla moglie ed edificare una villa in stile Bauhaus. Un sacrilegio, mentre vengono calpestate la libertà, la Continua…

Registrati o Accedi per commentare.

Altri libri di Noémi Szécsi

La vampira snob

La vampira snob di Noémi Szécsi Baldini&Castoldi

Jerne Voltampère, l'ultima discendente di una stirpe di vampiri, vive a Budapest con la nonna centenaria, donna maliarda e sensuale di giorno e spietata cacciatrice di notte, che tenta invano di spingere la nipote verso la tradizione di famiglia. Jerne infatti persegue testardamente il suo sogno: fare la scrittrice di favole per bambini. Tra riflessioni sull'opera di Hans Christian Andersen e ...