Come scrivere un romanzo giallo o di altro colore

«Tuzzi è il miglior autore di gialli di qualità attualmente al lavoro. »
il Venerdì - la Repubblica - Corrado Augias

«L’abilità quasi da prestigiatore di chi tratta come esseri più veri del vero i personaggi d’invenzione. »
Corriere della Sera - Ranieri Polese

«La cultura in un’oasi facile da raggiungere, senza altezzosità o snobismi vari. »
il Fatto Quotidiano - Fabrizio D’Esposito

«Tuzzi è un pokerista della narrazione e vale il biglietto già solo il suo mobilissimo gioco. »
la Repubblica - Giuliano Aluffi

«Tuzzi è un giallista classico che conosce le regole senza eccessive rigidità. »
ttL, La Stampa - Mario Baudino

«In letteratura è come in teologia: valgono le sole domande. O meglio: è l’intelligenza delle domande che costringe a elaborare risposte alla loro altezza. Se chi si appresta a leggere questo libro spera di trovare enunciati regole e precetti più o meno ovvii su come scrivere cosa, allora forse è meglio che abbandoni il libro e l’idea di diventare scrittore. Il talento, l’istinto sono necessari. Vanno educati, certo, ma sono necessari. Uno scrittore autentico i fondamentali li avverte ben prima ancora di elaborarli in concetti. Chi, non pago di affidarsi al tacito insegnamento dei Maestri, sente il bisogno di un prontuario cui attenersi, è meglio che lasci perdere: la letteratura non è un compitino. Men che meno un suo compitino. Per vari aspetti, il processo di creazione letteraria è come il tempo per sant’Agostino: “Se nessuno mi chiede cos’è, lo so; se devo spiegarlo a chi lo chiede, non lo so più”».
Così esordisce Tuzzi, in questa conversazione che – articolata in dieci capitoli: Prima di scrivere; Stile, struttura, scrittura; Come agganciare il lettore; Dire, non dire, da chi farlo dire; Come caratterizzare i personaggi; Finali chiusi, finali aperti; Buona e cattiva letteratura; Tutti i colori del genere: giallo nero rosa; Due o tre cose sul giallo perfetto? e Due o tre cose sul perfetto lettore di gialli – propone a un più vasto pubblico di lettori il ciclo di lezioni tenuto per Radio Popolare. Non banali ricette di tecnica espressiva o di forma narrativa, non fabula, intreccio, narratore interno esterno o ambiguo, ma più fertili considerazioni su limiti e potenzialità della parola, sulla potente irrealtà della letteratura.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Mangialibri

Come scrivere un romanzo giallo o di altro coloreMangialibri

In letteratura è come in teologia: valgono le sole domande. Tali domande tuttavia devono essere caratterizzate da un sufficiente coefficiente di intelligenza per stimolare risposte altrettanto intelligenti. Questo non è un libro che contiene regole auree o precetti su come, cosa, dove e di chi scrivere, poiché istinto e talento sono pietre angolari della costruzione letteraria Continua…

Registrati o Accedi per commentare.

Altri libri di Hans Tuzzi

Nessuno rivede Itaca

Nessuno rivede Itaca di Hans Tuzzi Bollati Boringhieri

« L’ho aperto per dargli un’occhiata. In breve, ci sono caduto dentro. » il Venerdì di Repubblica - Corrado Augias « Tuzzi scrive addirittura benissimo; offre molto e non concede quasi nulla. » La Stampa - Mario Baudino « Tuzzi si dimostra un maestro. » Corriere della Sera - Ranieri Polese Un musicista sciupafemmine , Tommaso, nato nel 1966, riceve, poco dopo il suo cinquantesimo ...

La notte, di là dai vetri: Un caso per il commissario Melis

La notte, di là dai vetri: Un caso per il commissario Melis di Hans Tuzzi Bollati Boringhieri

« Attualmente il miglior autore di gialli di qualità. » il Venerdì di Repubblica - Corrado Augias « Tuzzi si dimostra un maestro. » Corriere della Sera - Ranieri Polese « Il commissario Melis può contare su una schiera di lettori affezionati. Forse perché somiglia in qualcosa a Maigret. » la Repubblica - Leopoldo Fabiani « Tuzzi è bravissimo… Lo vediamo in cima a una nostra ideale ...

Polvere d'agosto: Un caso per il commissario Melis

Polvere d'agosto: Un caso per il commissario Melis di Hans Tuzzi Bollati Boringhieri

« Attualmente il miglior autore di gialli di qualità. » il Venerdì di Repubblica - Corrado Augias « Hans Tuzzi ha reinventato il poliziesco all’italiana. » D-la Repubblica - Tiziano Gianotti « Tuzzi si dimostra un maestro. » Corriere della Sera - Ranieri Polese Quali fili invisibili collegano noti e apprezzati professionisti della buona borghesia milanese alle piccole vite circoscritte...

Al vento dell'Oceano: Le indagini di Neron Vukcic

Al vento dell'Oceano: Le indagini di Neron Vukcic di Hans Tuzzi Bollati Boringhieri

« Abilità da prestigiatore... Tuzzi è un maestro sofisticato, imprevedibile. » «Il Corriere della Sera» - Ranieri Polese « Tuzzi continua a non sbagliare colpi e ci regala un altro magnifi co giallo, una sfolgorante miniatura letteraria. » «Il Fatto Quotidiano» - Fabrizio D’Esposito « Elegante senza essere lezioso, erudito senza essere noioso. C’è ancora qualcuno davvero convinto che il...

La belva nel labirinto

La belva nel labirinto di Hans Tuzzi Bollati Boringhieri

Quale filo invisibile lega fra loro un sacerdote di frontiera, un travestito di mezza età e un brillante studente universitario nella cui auto giace cadavere una ragazza? E le altre vittime dell’anonima mano omicida che nell’estate del 1987 nelle vie di Milano porta la morte, annunciata dai beffardi e inquietanti Arcani dei tarocchi? A cosa si riferisce la misteriosa scritta che l’assassino ...

Il Maestro della Testa sfondata: Un caso per il commissario Melis

Il Maestro della Testa sfondata: Un caso per il commissario Melis 1 di Hans Tuzzi

« Il commissario Melis indaga con la finezza e l’acume che i lettori di Tuzzi, uno dei nostri più eleganti giallisti, conoscono. La cerchia dei sospetti si allarga poi arriva, inaspettata, la sorpresa finale. » Il Venerdì - la Repubblica « Melis è abilissimo a depistarci… per poi riportarci al vero colpevole, inaspettato, proprio perché gli indizi erano sotto i nostri occhi ma non volevamo ...