La ballata del vecchio marinaio: Kubla Khan

“Venne allora la TEMPESTA; / e fu tirannica, violenta: / ci colpì con le sue ali sorprendenti / e ci cacciò avanti, verso sud. / Con le alberature piegate e la prua immersa, / come colui che inseguito da urla e strepito / ancora calpesta l’ombra del nemico / e curva in avanti la testa, veloce avanzava la nave: forte ruggì la tempesta / e per sempre volammo verso sud. / La terra dei ghiacci e degli spaventevoli rumori, dove non si scorgeva essere vivente.”



Sei convinto che un verso contribuisca al potente spettacolo del mondo? Assapora Zoom Poesia: piccole, preziose antologie di testi editi e inediti. Da gustare un verso alla volta.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Mangialibri

BallataMangialibri

Il padre l’ha perso per un incidente in barca a vela quando era ancora un ragazzo. Ma questa disgrazia paradossalmente ha portato la famiglia Pommeroy a essere più unita delle altre. Continua…

Registrati o Accedi per commentare.

Altri libri di Samuel Taylor Coleridge

La leggenda del vecchio marinaro

La leggenda del vecchio marinaro di Samuel Taylor Coleridge Bauer Books

La ballata del vecchio marinaio  è un poemetto scritto e ripreso più volte da Samuel Taylor Coleridge e pubblicato nel 1798 nell'introduzione della raccolta romantica Lyrical Ballads di William Wordsworth e racconta l'avventura straordinaria di un uomo di mare.