Todrol (Italian Edition)

Licia armeggiò col cofanetto. La serratura pareva inceppata dal tempo e dall'umidità. Si udì uno scricchiolio. Il cofanetto si aprì, sprigionando un aroma penetrante: un miscuglio di spezie, incenso e terra bagnata. L’interno era foderato di velluto e diviso in scomparti. C'era un vasetto sigillato con la ceralacca, dei bussolotti di rame, un taccuino in tela cerata, una bacchetta e uno strano oggetto dalle molte facce. Sul taccuino c'era scritto: “Ubiquamdum”.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli