L'opera al nero

L’opera al nero è la storia di un personaggio immaginario, Zenone, medico, alchimista, filosofo, dalla nascita illegittima a Bruges nei primi anni del Cinquecento, fino alla catastrofe che ne conclude l’esistenza. Il racconto lo segue nei viaggi attraverso l’Europa e il Levante, lo vede all’opera nell’esercizio della medicina, sia al capezzale degli appestati sia presso i sovrani, intento a ricerche in anticipo sulla scienza ufficiale del tempo; lo segue nei perpetui e rischiosi spostamenti, tra rivolte e compromessi. Zenone rappresenta un esemplare umano che ha attraversato il Rinascimento dietro le quinte e sta tra il dinamismo sovversivo degli alchimisti del Medio Evo e le conquiste tecniche del mondo moderno, tra il genio visionario dell’ermetismo e della Cabala e un ateismo che osava appena chiamarsi tale. Il destino, il pensiero del personaggio sono ispirati al grande chimico tedesco Paracelso, a Michele Serveto, dedito anche lui a indagini sulla circolazione del sangue, al Leonardo dei Quaderni e a quel filosofo singolarmente audace che fu Tommaso Campanella. Una folla di comparse, mercanti, banchieri, ecclesiastici, operai, donne di ogni livello e condizione, si muove tra le pagine di un libro in cui nulla è sacrificato al pittoresco ma nel quale i decenni 1510-1569 ci appaiono in un aspetto nuovo, quotidiano e, al tempo stesso, sotterraneo, attraverso immagini colte dalla strada maestra, dal laboratorio, dal chiostro, dal banco di vendita, dalla taverna e, infine, dalla prigione.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Ignotus par ignotiusIl Consigliere Letterario

Così, in pagine di assoluto splendore, ecco comparire più romanzi in un unico romanzo; ecco intrecciarsi l’avventura e il dinamico (e spesso tormentato) procedere del pensiero; ecco svilupparsi, e radicarsi con sempre maggior forza, l’audacia calcolata e cinica di mercanti e banchieri, e la verità resistere a fatica dinanzi alla straripante forza dell’interesse di parte, della moltitudine nei confronti del singolo. Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per rispondere.

Altri libri di Marguerite Yourcenar

Il giro della prigione (I grandi tascabili)

Il giro della prigione (I grandi tascabili) di

Durante un viaggio compiuto in Inghilterra nel 1980 in compagnia di Jerry Wilson, Marguerite Yourcenar progetta un’opera che sarà composta dai resoconti del giro del mondo che ha intenzione di portare a termine con il suo giovane amico. Il libro si intitolerà Il giro della prigione, con riferimento alla famosa frase di Zenone, il protagonista dell’Opera al nero:“Chi sarebbe così insensato da mo...

Con beneficio d'inventario (Tascabili)

Con beneficio d'inventario (Tascabili) di

Sette “sguardi” attenti e illuminanti rivolti a opere famose e grandi nomi della cultura: sette saggi scritti tra il 1939 e il 1975 da una delle maggiori autrici del Novecento.Dalla Historia Augusta sulla decadenza dell’antica Roma alla rievocazione della Parigi cruenta e intollerante della Notte di San Bartolomeo attraverso il fosco ugonotto Agrippa d’Aubigné e il suo Poema tragico. Da Selma L...

Moneta del sogno (I grandi tascabili)

Moneta del sogno (I grandi tascabili) di

Scritto nel 1933 e rielaborato interamente nel 1959, Moneta del sogno ha al suo centro la narrazione, in parte realista e in parte simbolica, di un attentato antifascista nella Roma dell’anno XI della dittatura. Iniziato durante una visita in Italia, questo romanzo si distinse fra tutte le opere letterarie dell’epoca per la precisa presa di posizione contro l’immagine che la propaganda ufficial...

Fuochi (I grandi tascabili)

Fuochi (I grandi tascabili) di

“Nato da una crisi passionale, Fuochi, si presenta come una raccolta di poesie d’amore, o, se si preferisce, come una serie di prose liriche collegate fra loro sulla base di una certa nozione dell’amore.Come tale, l’opera non ha bisogno di commenti, in quanto l’amore totale, imponendosi alla vittima come malattia e insieme come vocazione, è da sempre una realtà dell’esperienza e un tema fra i p...

Memorie di Adriano. Seguite dai taccuini di appunti

Memorie di Adriano. Seguite dai taccuini di appunti di

Giudicando la propria vita di uomo e l'opera politica, Adriano non ignora che Roma finirà un giorno per tramontare; e tuttavia il suo senso dell'umano, eredità che gli proviene dai Greci, lo sprona a pensare e servire sino alla fine. "Mi sentivo responsabile della bellezza del mondo" afferma, personaggio che porta su di sé i problemi degli uomini di ogni tempo, alla ricerca di un accordo tra la...